×
1 742
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicato il
23 ott 2012
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Who’s Next Paris: un nuovo nome per un salone di gennaio rivisitato

Pubblicato il
23 ott 2012

WSN Développement ha comunicato le novità dell'edizione di gennaio del suo salone…. Che stavolta si chiamerà Who’s Next Paris. Esce dunque il riferimento al Prêt-à-Porter di Parigi, apparso nel nome di Who’s Next solamente per due sessioni.

La piantina del salone Who's Next Paris

In contemporanea, WSN ha pubblicato la piantina prospettica del prossimo salone, nella quale è confermata la fine di un 'Mr Brown' unico e con l'espansione del settore maschile, che verrà smembrato in due parti. Una entra nel settore accessori, al primo piano del Première Classe, con il nome di 'Mr Brown Accessories'. L’altra sarà integrata al prêt-à-porter e si chiamerà… 'Mr Brown'. Per Mess Around, si tratta della scomparsa pura e semplice del concept riguardante le calzature come l'aveva impostato Jean-Paul Le Roux molti anni fa.

Infatti, l’obiettivo annunciato dell'organizzatore è di chiarire e semplificare l’organizzazione della fiera, la quale adesso sarà divisa in un'offerta prêt-à-porter presente sullo stesso livello, il pianterreno di molti padiglioni, e un'offerta di accessori aggregata al livello 2 del padiglione 7.

I 200 marchi del Fame si troveranno quindi nello stesso padiglione 4 che occupavano nell'ultima sessione. I 600 marchi di Private sono suddivisi fra il pianterreno del padiglione 7 e del padiglione 2.2 (quello nel quale vennero insediati una volta Le Cube e la parte di pelletteria di Première Classe, con Mess Around che aveva occupato la hall 2.1 nel gennaio 2012). Tra questo padiglione del Private e il piano terra del padiglione 7, s'inserisce il prêt-à-porter di 'Mr. Brown' e i suoi 200 brand. Lo spazio dovrà ospitare i marchi urban misti del salone e anche i giovani stilisti di abbigliamento maschile raggruppati sotto l'etichetta 'Sir Brown' (una sorta di settore 'Fresh' per uomo). La collocazione del settore fra i due elementi del Private ha lo scopo di non mettere più ai margini un settore maschile che aveva molto sofferto la scorsa fine di giugno.

La nuova campagna di comunicazione mediatica mette al centro il tema della rivoluzione industriale.

L’offerta di accessori del salone sarà quindi riunita nel padiglione 7, livello 2. Vi si potranno trovare i 300 marchi che costituiscono Première Classe, i marchi più creativi del segmento accessori. In questo modo, l'organizzazione vuole restituire a Première Classe 1^ sessione la sua identità di spazio votato a proporre un'offerta alquanto specialistica. I marchi selezionati saranno vicini ad un altro centinaio di brand che punteranno ad incarnare l’universo dell'accessorio maschile nella sezione intitolata 'Mr Brown Accessories'.

Infine, circa 600 brand saranno riuniti nel Who’s Next Accessories, con quattro grandi settori: 'Who’s Next Chaussure', 'Who’s Next Bijou', 'Who’s Next Sac et Maroquinerie' e 'Who’s Next Accessoire Textile'.

Naturalmente, WSN Développement doveva tenere conto della configurazione della Porta di Versailles la quale, con i suoi padiglioni ravvicinati, non consente trasformazioni semplici. Il salone ha dunque abbandonato il livello 3 del padiglione 7, che nell'ultima sessione ospitava il 'Mr. Brown'. Anche la sfilata si svolgerà al livello 4 di questo padiglione, allo stesso piano del ristorante bar club “Electric”. E' soprattutto l'abbandono del livello 3 a lasciar pensare che Who’s Next Paris sembrerà un po' meno grande del Who’s Next Prêt-à-Porter Paris di fine giugno 2012.

Tuttavia è stato previsto di utilizzare ancora una volta la grande passerella esterna che porta al padiglione 7 ambientandovi delle animazioni (in particolare un trenino e la partecipazione, ancora in questa occasione, di varie scuole di moda) che avranno come tema la rivoluzione industriale, come del resto la stessa locandina pubblicitaria del salone. Un tema che sembra appropriato, in questo periodo difficile per i posti di lavoro in Francia e per l'industria nazionale in genere…

Jean-Paul Leroy (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.