×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

White e Confartigianato: crescono le opportunità per la moda contemporary in Cina

Pubblicato il
today 14 apr 2017
Tempo di lettura
access_time 4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Chiude dopo aver suscitato vivo interesse l'evento “Style Routes to Shanghai”, che si è tenuto in Cina il 7 e l'8 aprile scorsi, nella Sihang Warehouse di Shanghai, uno dei poli di attrazione del nuovo quartiere della moda della metropoli cinese, curato dal salone milanese di ricerca White in collaborazione con Confartigianato Imprese.

Un momento della sfilata di Act N°1 e Situationist - White Milano


Il primo step del progetto "Fashion Meets Commerce" (ideato per offrire reali opportunità di comunicazione e di business alle aziende di moda italiane e internazionali e fortemente voluto da Confartigianato, con la curatela del salone della moda contemporary e di ricerca, patrocinato dal Comune di Milano) ha raccolto il favore dei numerosi operatori del settore intervenuti per l'occasione, puntualizza il comunicato ufficiale.
 
Il format buyer oriented si è sviluppato su due giornate. Il 7 aprile è andata in scena la creatività di Greta Boldini, di Pinghe, di Act N°1 e di Situationist: un vero fashion show ripreso in streaming. Oltre alla sfilata è stata allestita un'area espositiva aperta ai buyer, con gli outfit dei designer completati poi da un display con gli accessori di Demanumea (borse) e JF London (calzature).

L'8 aprile si è svolto il “Business Forum & Press Conference”. Il forum, moderato da Chris Zhou direttore creativo di Bailian Group Fashion Center, ha visto gli interventi di esperti come Bedi, caporedattore di “Fashion Trend Digest”, Meimei Ding, CEO DFO Showroom e Alfredo Canducci, Sales and Business Development Director di Tomorrow Ltd. Per alimentare ulteriormente il dibattito e il confronto sono stati presentati gli interventi online di Mario Boselli, Presidente Onorario di Camera Nazionale della Moda Italiana e di Mario Dell'Oglio, Presidente di Camera Italiana Buyer Moda.
 
“Con questa iniziativa”, commenta Massimiliano Bizzi, fondatore del salone milanese, “White continua lo sviluppo intrapreso in Cina già da tempo, anche grazie a importanti partnership con player locali, in un momento in cui si registra una crescente richiesta di brand contemporary. Un format buyer oriented […] che prelude a prossimi eventi nel segno dell'internazionalizzazione dei marchi in Cina, in via di pianificazione e di strutturazione. Al fine di assicurare la presenza di operatori della moda cinesi e della stampa è stata individuata una location strategica, la stessa dove si svolgeranno anche le iniziative del partner DFO (Danube Fashion Office) - realtà fondata nel 2010 - e di DADA Show, format espositivo del prestigioso player”.
 
Interessanti molti degli interventi dei partecipanti. “Da quando White è entrato con Confartigianato nel tavolo della moda, stiamo valutando una strategia comune per affrontare il mercato cinese”, ha affermato Claudio Pasqualucci, Trade Commissioner della Italian Trade Commission, ufficio di Shanghai. “Il segmento della moda contemporary in Cina sta avendo una crescita importante sia in termini di numeri, sia di potenzialità. […] Specie in metropoli come Shanghai, Pechino e Shenzhen si cercano alternative ai brand del lusso. In questo contesto la moda contemporary sta trovando un suo spazio ed è necessario sostenerla e comunicarla attraverso i giusti canali. Non si possono vendere prodotti senza un'adeguata campagna, che possa educare i consumatori sulle caratteristiche merceologiche, secondo uno schema che spesso si articola in due tappe: farsi vedere offline e comprare online”.
 
“Vedo buone opportunità per l'advanced contemporary perché, per qualità e prezzi, questo segmento si adatta meglio al mercato cinese, tenendo conto che per le esportazioni di un brand dall'Europa verso la Cina è necessario sostenere i dazi doganali, che inevitabilmente ricadono sui prezzi al retail”, ha aggiunto Alfredo Canducci, Sales and Business Development Director del gruppo Tomorrow Ltd. “Ci sono spazi e buone occasioni su questa piazza per prodotti di qualità Made in Italy e Made in Europe, con un prezzo competitivo e uno stile accattivante e riconoscibile. Tomorrow ha sempre creduto in questo segmento e il nostro primo mercato è proprio la Cina, con l'advanced contemporary che promuoviamo con nomi di successo come Markus Lupfer e anche Stella Jean, Ports 1961, che segnano tutti ottimi risultati e performance in Cina”.
 
“Il mercato cinese sta cambiando ed evolvendosi rapidamente. I consumatori cinesi sono stanchi dei big brand del lusso, che hanno avuto una diffusione massiccia negli ultimi dieci anni, con una diffusione nei shopping mall tipo McDonald’s. Oggi i consumatori sono più sicuri di poter mostrare il proprio gusto e stile, vogliono capire come sono fatti i tessuti, le silhouette e i tagli; anche grazie all'impatto dei blogger, cercano il pezzo unico e lo styling nel loro brand mix è sempre più importante. Noi vendiamo designer anche sconosciuti, non solo cinesi, ma ungheresi, danesi. Il contemporary è un mercato nuovo e ancora non maturo, che vede importanti fluttuazioni di stagione in stagione, ma che si sta popolando di nuovi negozi, buyer e investitori”, ha concluso Meimei Ding, CEO di DFO Showroom.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.