×
1 571
Fashion Jobs
MAISON DEGAND
Inventory Control Manager
Tempo Indeterminato · BRUXELLES
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità

Vivarte: Pataugas presto venduto si dirigenti di Cibléo e Colis Privé

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 27 mar 2017
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Secondo le informazioni in possesso di FashionNetwork, il marchio di calzature messo in vendita dal gruppo Vivarte in ristrutturazione sarà ceduto entro poco tempo al patron di Cibléo, Guillaume Salabert, e ai titolari di Colis Privé, Eric Paumier e Frédéric Pons.

Pataugas


Contattata, la direzione di Vivarte non ha voluto commentare queste informazioni, ma conferma che la vendita del marchio di calzature sarà effettiva dai prossimi giorni. Il trio di acquirenti, che sarebbe in fase di trattativa esclusiva, aveva già comprato all’inizio di quest’anno l’azienda i soluzioni di comunicazione fisiche e digitali Adrexo per svilupparla in connessione con le loro rispettive società.
 
Pataugas non è la struttura più grande di cui Vivarte sta cercando di liberarsi, avendo 60 dipendenti alla fine del 2015, contro i 600 di Kookaï, e i 250 di Chevignon, per esempio. Il produttore basco di calzature fondato nel 1950 da René Elissabide, è arrivato ad essere distribuito in 1.200 punti vendita, soprattutto multimarca, ma anche in franchising.

In passato, il brand aveva manifestato la volontà di espandersi all’estero. Oggi è distribuito in Francia, Spagna, Belgio, Svizzera e Tunisia, ma i suoi modelli in materiali naturali sono prodotti in Portogallo e in Italia.
 
Diretto da fine 2012 da Thierry Gasquet, il brand ha operato un lavoro in profondità sulla propria offerta proponendo modelli e trattamenti volutamente più fashion a partire dal 2013. Nello stesso momento, Pataugas aveva anche fatto debuttare un’offerta di valigeria in pelle. L'export pesava allora per circa il 20% sul fatturato.
 
Il PDG del gruppo Vivarte, Patrick Puy, ha intanto confermato in un’intervista a “Les Echos” di essere riuscito a rinegoziare una parte del debito della società, che sarà ridotto di due terzi, passando da 1,3 miliardi di euro a 572 milioni di euro. 846 milioni del debito del gruppo saranno convertiti in capitale, mentre il debito residuo è stato spalmato su altri due anni, fino al 2021.
 
Nel 2014, Vivarte era già riuscito una prima volta a rinegoziare il debito, che allora ammontava a 2,8 miliardi di euro, facendo accettare ai suoi creditori di rinunciare a 2 miliardi di euro, e aveva ottenuto pure un prestito supplementare di 500 milioni di euro. L’attuale ristrutturazione ha portato a un cambiamento a livello degli azionisti della società transalpina, ora composti dai fondi Alcentra, Babson, GoldenTree e Oaktree.
 
Oltre a Pataugas, il gruppo francese Vivarte sta attualmente cercando un compratore per i brand Chevignon, Kookai, Merkal, André e Naf Naf. La Halle, Caroll, Minelli, San Marina, Besson e CosmoParis resteranno alla fine i soli marchi a comporre il portafoglio del gruppo Vivarte.
 
(Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.