×
1 329
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Pubblicato il
4 nov 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Unilever e Beiersdorf si preparano a tempi difficili

Pubblicato il
4 nov 2011

Due dei principali specialisti europei di prodotti destinati al grande consumo hanno avvisato giovedì che avrebbero attraversato un periodo difficile, con Unilever che non esclude un calo dei suoi margini annuali, e Beiersdorf che prevede una crescita solo modesta delle proprie vendite.

Beiersdorf, Unilever
Una selezione di prodotti Beiersdorf

L'anglo-olandese Unilever ha messo in guardia contro la combinazione tra l'aumento dei costi delle materie prime e il deterioramento della fiducia dei consumatori, mentre Beiersdorf ha spiegato la diminuzione dei propri utili con gli investimenti sostenuti per sviluppare il suo marchio-faro Nivea.

"E' stato un anno senza precedenti in termini di catastrofi naturali, di avvenimenti geopolitici rivoluzionari e d'indebolimento della fiducia dei consumatori; il tutto mentre abbiamo continuato a investire nei nostri marchi", ha dichiarato il direttore generale di Unilever, Jean-Marc Huet, durante una conferenza telefonica.

Huet ha precisato che i costi di produzione del gruppo sono aumentati quest'anno del 15%, vale a dire di 2,5 miliardi di euro, e che i prezzi delle materie prime restano volatili. Conseguenza: il margine operativo di Unilever, a perimetro e tassi di cambio costanti, dovrebbe rimanere stabile o essere in leggero ribasso sull'annata 2011. Il fatturato del gruppo è cresciuto del 7,8% nel terzo trimestre, sempre a perimetro e tassi di cambio costanti, una performance migliore di quanto previsto dal consensus della società, che aveva preventivato un incremento del 6,3%, dopo una crescita del 4,3% nel primo trimestre e del 7,1% nel secondo.

Beiersdorf, Unilever
La storia e il concept alla base del nuovo brand di Unilever, creato nel 2006.

Beiersdorf, dal canto suo, ha rinunciato a fornire previsioni per il 2012 in ragione della volatilità dei prezzi delle materie prime. Il gruppo tedesco ha reso noto un fatturato trimestrale, a perimetro e tassi di cambio costanti, in aumento dello 0,9%, a 3,57 miliardi di euro.

L'azienda ha aggiunto che la crescita annua delle sue vendite dovrebbe essere sensibilmente influenzata dalla revisione della sua gamma di prodotti, confermando l'obiettivo di un leggero incremento delle vendite e di un margine di Ebit adeguato tra il 10 e l'11%. In Borsa, giovedì, il titolo Unilever cedeva l'1,88%, a 20,33 sterline, verso le 10:55 ora di Greenwich alla Borsa di Londra, mentre a Francoforte, Beiersdorf guadagnava lo 0,99%, a 40,6850 euro.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.