×
1 291
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Controlling Reporting & Finance Projects Lead
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Industrializzatore/Industrializzatrice Pelletteria
Tempo Indeterminato · PADOVA
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Direttore - Department Store Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA RETAIL
Marketing Director
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Quality Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 giu 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tomas Maier chiude il suo marchio di prêt-à-porter

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 giu 2018

Tomas Maier chiude l’attività del suo marchio di prêt-à-porter, che aveva lanciato nel 1997, e che all’inizio era specializzato nei costumi da bagno e nella maglieria. In un comunicato di poche righe, Kering annuncia che “porrà fine alla sua collaborazione con il marchio e le attività della maison cesseranno”. Il gruppo francese del lusso era entrato nel capitale della label nel 2013, tramite una società comune, di cui possedeva una partecipazione significativa.

Un look di Tomas Maier - tomasmaier.com


Il brand Tomas Maier, che aveva ampliato la propria offerta nel corso degli anni, si definiva un marchio di lusso lifestyle moderno, e non ha mai comunicato le sue cifre di vendita. Il marchio possedeva quattro negozi negli Stati Uniti e un centinaio di rivenditori. Secondo la stampa statunitense, il suo fatturato non superava i 10 milioni di dollari.
 
Sono coinvolti nella situazione tra 20 e 30 dipendenti, ma Kering assicura “che nei prossimi mesi farà tutto il possibile per salvaguardare le occupazioni dei dipendenti della casa di moda, in coordinamento con i rappresentanti locali del personale”.

L’annuncio arriva dopo che Tomas Maier ha lasciato la direzione artistica di Bottega Veneta, un'altra griffe della galassia Kering, meno di 15 giorni fa. Nel frattempo, il management del suo marchio era stato di recente rafforzato.
 
Il designer tedesco, transitato in precedenza da Guy Laroche, Sonia Rykiel e Hermès, aveva permesso a Bottega Veneta di svilupparsi ben oltre la borsa di pelle intrecciata d’alta gamma, incrementando le vendite del marchio veneto da 50 milioni di euro a oltre 1 miliardo di euro in 17 anni. Ultimamente però, la firma italiana era a corto di fiato, e ha visto fatturato e profitti affievolirsi.
 
La decisione di chiudere quest’etichetta confidenziale s’iscrive in una nuova strategia di Kering, che sembra accelerare la razionalizzazione dei suoi asset, concentrandosi principalmente sui grandi marchi di lusso più redditizi del proprio portafoglio, da Gucci a Saint Laurent, passando per Balenciaga. Negli ultimi mesi, il gruppo transalpino ha anche ceduto la quota che possedeva in Puma, e poi nella società di Stella McCartney. Inoltre, ha appena annunciato di essere in fase di trattativa per vendere anche le sue quote nel marchio Christopher Kane.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.