×
1 257
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Pubblicato il
25 mar 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tiffany pesantemente condizionato dalla controversia con Swatch

Di
AFP
Pubblicato il
25 mar 2014

Lo scorso anno, il gioielliere americano Tiffany è stato bloccato nella sua crescita finanziaria dalla controversia con la svizzera Swatch, che l'ha fatto precipitare in zona rossa nel quarto trimestre del suo esercizio scalato. Nell'esercizio fiscale completato a fine gennaio, il gioielliere statunitense ha registrato un utile netto di 181 milioni di dollari, pari a un -56,5% rispetto all'esercizio precedente, secondo i risultati resi noti lo scorso venerdì. Rettificandolo per azione, con riferimento a Wall Street, l'utile annuo per titolo azionario si attesta a 3,73 dollari, vale a dire 4 centesimi in meno della previsione media (pari a 3,77 dollari) degli analisti.

Foto: AFP


Questa controprestazione è dovuta al pagamento di una provvisionale di circa 293 milioni dollari al netto delle tasse (entrata nei conti del quarto trimestre) dovuta alla condanna del marchio americano nel contenzioso che l'opponeva all'elvetico Swatch Group. Tiffany è quindi andato in perdita negli ultimi tre mesi terminati a fine gennaio; periodo cruciale, dato che comprende le feste di fine anno. La perdita netta ammonta a 104 milioni di dollari, che equivale a una perdita per azione pari a 81 centesimi, quando il mercato stimava un utile di 1,52 dollari per azione.

Lo scorso dicembre, la giustizia olandese aveva dato ragione al gruppo Swatch nella controversia con Tiffany. I due gruppi si erano alleati nel 2007, prima di porre fine alla loro collaborazione nell'autunno 2011 su iniziativa di Swatch. Il gruppo svizzero rimproverava al suo ex socio un ostruzionismo sistematico nello sviluppo del business. La cooperazione aveva come scopo la progettazione di orologi di lusso, tramite una società chiamata Tiffany Watch diretta da Nayla Hayek, figlia del fondatore del gruppo Swatch.

Le vendite annue mondiali di Tiffany sono invece aumentate del 6%, a 4,03 miliardi di dollari, e cioè esattamente quanto si aspettava il mercato. A tassi di cambio costanti, la progressione è più marcata (+10%). Lo stesso avviene quando l'evoluzione delle vendite viene misurata a numero di negozi costante (+6%). La tendenza è identica nel quarto trimestre: le vendite mondiali sono cresciute del 5%, a 1,29 miliardi di dollari (il mercato puntava su 1,31 miliardi). A tassi di cambio costanti, l'incremento è del 9%, e del 6% a negozi comparabili.

Per il 2015, Tiffany prevede un utile per azione compreso tra i 4,05 e i 4,15 dollari e una crescita a una cifra delle sue vendite nel mondo. L'insieme degli analisti punta su un utile per azione annuo di 4,28 dollari e stima un incremento del 7,50% delle sue vendite.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.