×
1 173
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 feb 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tiffany: il CEO Frédéric Cumenal lascia il gruppo

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 feb 2017

Il CEO del gioielliere statunitense Tiffany, il francese Frédéric Cumenal, lascia il gruppo di prodotti di lusso, meno di due anni dopo esserne diventato l'amministratore delegato, ha indicato la società americana in un comunicato ufficiale.

Frédéric Cumenal - DR


Il gioielliere, che ha detto di aver iniziato la ricerca di un successore, ha ribadito di aver mantenuto le sue proiezioni di ricavi e utili per l'insieme dell'anno; previsioni che ha abbassato per ben due volte negli ultimi mesi.
Recentemente il gruppo ha sofferto dell'aumento del valore del dollaro, del calo del turismo di lusso e della diminuzione delle presenze di clienti nel suo negozio di New York della 5th Avenue, le cui vendite sono state influenzate in negativo dalla vicinanza della Trump Tower dopo l'elezione del nuovo presidente americano. Il brand annuncerà i suoi risultati l 17 marzo.

La partenza di Frédéric Cumenal, ex dirigente di LVMH ed ex PDG di Moët et Chandon, è “immediata”. Nell'attesa di un nuovo dirigente, il manager francese viene sostituito dall'ex boss di Tiffany e presidente del Consiglio d'Amministrazione, Michael Kowalski.

“Sono orgoglioso di quello che ho realizzato in Tiffany e vorrei ringraziare il team di gestione ed i nostri dipendenti talentuosi di tutto il mondo con i quali ho avuto il piacere di lavorare”, ha dichiarato Frédéric Cumenal nel comunicato.

Secondo Michael Kowalski: “In questo periodo di sfide continue per il mercato del lusso globale, Frédéric ha potenziato il team gestionale e ha preso misure importanti per posizionare Tiffany verso un successo a lungo termine”.

Nel gruppo statunitense è anche appena arrivato un nuovo direttore artistico, Reed Krakoff, che è stato soprattutto il direttore creativo del pellettiere di lusso Coach, dopo aver lavorato per Ralph Lauren.

Michael Kowalski ha aggiunto che Tiffany rimane impegnato “sulla sua strategia rivolta al core business”, ma ha riconosciuto che il CdA “è rimasto deluso dai recenti risultati finanziari del brand”. "Il Consiglio ritiene che l'accelerazione della realizzazione delle strategie [di Tiffany] sia necessaria per migliorare le prestazioni del marchio nel mercato globale del lusso”.

Tiffany, fondato nel 1837, gestisce oltre 300 negozi nel mondo, 125 dei quali in America, 81 in Asia-Pacifico, 56 in Giappone e 39 in Europa.

Due settimane fa, il marchio di gioielli aveva avvertito che avrebbe tagliato dei posti di lavoro, senza precisarne la quantità, e ha avvertito che l'utile rettificato per azione per il suo anno fiscale 2015-16 dovrebbe risultare inferiore del 10% ai 4,20 dollari registrati al termine dell'esercizio 2014-15.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.