theMICAM: nuove date per le future edizioni

Si è aperta il 1° settembre l’ottantesima edizione di theMICAM, salone leader mondiale della calzatura, ancora una volta protagonista alla fiera di Rho, a Milano. Grande novità per quanto riguarda le date delle prossime edizioni: nel 2016 la fiera si svolgerà invece che dal 28 al 31 agosto, dal 3 al 6 settembre, nel 2017 dal 2 al 5 e, nel 2018, dal 7 al 10. L'annuncio è stato dato in occasione della cerimonia inaugurale dalla neo presidente di Assocalzaturifici, Anna Rita Pilotti. La manager ha anche spiegato che sta mettendo tutto il suo impegno per riuscire a riportare in date più consone anche le edizioni di febbraio. Intanto, il settore calzaturiero italiano mostra timidi segnali di ripresa, ma preoccupa l’ipotesi concreta di una forte rivalutazione dell’Euro.

La scultura simbolo di theMICAM

"L’edizione si è aperta con un nuovo layout, anche nell’ottica della sempre più stretta collaborazione con MIPEL, il salone della pelletteria, spostatosi al padiglione 10", precisa Anna Rita Pilotti. "La nuova immagine della fiera vede una decolleté rossa con un mondo all’interno, per far capire l’importanza della manifestazione a livello globale. Grazie al patrocinio del Comune di Milano, sono state installate due copie della scultura simbolo di theMICAM in Largo La Foppa e in Piazza San Babila.

"Sono 1.443 gli espositori totali di questa edizione, 841 italiani, 602 internazionali, da 36 Paesi diversi, che espongono le collezioni primavera-estate su circa 65.000 metri quadri. Ogni 6 mesi a theMICAM arrivano oltre 34.000 visitatori professionisti del settore da 130 nazioni diverse", ha ricordato il direttore Paolo Borghini.

Da non perdere: martedi 1, mercoledì 2 e giovedì 3 settembre alle 12:30 appuntamento con le sfilate di theMICAM di modelli uomo, donna e bambino di aziende espositrici al padiglione 7, organizzate in collaborazione con lo studio Rosemary Ferrari e con WGSN, con quest'ultima che curerà con Vanessa Belleau i seminari di approfondimento sui trend calzature per la primavera/estate 2016 e sulle anticipazioni per l’autunno/inverno 2016/2017, con la novità del future store design, ovvero uno sguardo al design di interni per i negozi del futuro.

E poi, la postazione di RDS-Radio Dimensione Suono, le partnership con Trenitalia e Car2Go, il theMICAMmedialounge, in Corso Italia, all'esterno del padiglione 6 (la nuova area dedicata all’accoglienza di buyer, giornalisti e blogger nata grazie alla collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico e con l’Agenzia ICE per la promozione e il sostegno al Made in Italy calzaturiero nel mondo), al padiglione 3 l’area theMICAMacademy, che proporrà una selezione delle migliori riviste moda, e venerdì 4 il Forum Internazionale della Calzatura, prima edizione di un appuntamento per il settore calzaturiero internazionale organizzato da CEC-Confederazione Europea della Calzatura per occuparsi di tutti gli argomenti più importanti nel campo delle calzature.

"C’è un grande piano di investimenti, grazie alle azioni intraprese dal Viceministro Calenda, che ci permetteranno di rendere sempre più accattivante la nostra fiera, che vogliamo sia l’indiscussa n° 1 mondiale del settore", ha concluso la Pilotti, ma intanto i dati economici diffusi dimostrano che per il calzaturiero c'è stato solo di un primo timido miglioramento, nel secondo trimestre, rispetto allo scenario insoddisfacente che aveva contraddistinto la seconda parte del 2014 e i mesi iniziali dell’anno in corso.

Le esportazioni continuano a rappresentare il carro trainante del settore e ciò definisce la sua forza, ma anche la sua intrinseca debolezza; con un mercato interno che ormai da anni fa segnare una contrazione nei consumi, solo le vendite estere possono rappresentare uno sbocco commerciale positivo. “Il nostro settore – aggiunge Annarita Pilotti – esporta oltre l’85% della produzione ed è quindi inevitabile che le performance commerciali delle aziende risentano dei cambiamenti, oggi più che mai repentini, della congiuntura internazionale. Le esportazioni in valore tengono, anche se si verifica una contrazione dei volumi in una situazione che è molto eterogenea tra le diverse aree di mercato e, anche all’interno di una stessa area, tra i diversi Paesi".

Il dato sulla produzione incorpora inevitabilmente questa duplice lettura che in sintesi si può definire un “miglioramento positivo, ma non troppo”, riporta il comunicato ufficiale.

Elena Passeri e Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - ScarpeSaloni / fiere
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER