×
1 451
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

Texmed chiude a Tunisi con 250 espositori

Pubblicato il
today 5 ott 2012
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ha Chiuso i battenti a Tunisi, Texmed, la 13a edizione del salone di abbigliamento, accessori e tessuti, iniziata il 3 ottobre, a cui partecipano anche molte aziende italiane: 250 espositori della rassegna, provenienti da Italia, Tunisia, Francia, Portogallo, Spagna,Egitto e Turchia. Presenti vari settori della moda, dal prêt-à-porter alla maglieria, intimo, mare, jeans, casual e sportwear, calzature, tessuti e accessori.

Foto Ansa


Il tessile, negli anni scorsi, e' stato per la Tunisia una delle ''stampelle'' piu' solide dell'economia, grazie alle doppia opportunita' data dal basso costo del lavoro e dagli incentivi che hanno spianato l'arrivo di investitori stranieri, cosi' come delle tecnologie che essi hanno portato. Ma la crisi generale ha toccato anche questo comporto, come fanno registrare le vendite che, sebbene sempre consistenti, non hanno mostrato quest'anno quell'incremento che era nelle speranze di tutti.

A ben guardare i padiglioniin fiera, la qualita' dell'offerta appare di alto livello, ma gli aspetti negativi della situazione sono ''dietro'', stanno nella difficile condizione della Tunisia di oggi, alla disperata ricerca di rilanciare la propria immagine, che all'estero non e' certo rassicurante. ''I nostri committenti stranieri - dice Hamid, che ha una piccola azienza a Kairouan - continuano a tenerci in grande considerazione, ma hanno di fatto diradato le loro visite, perche', leggendo quel che e' accaduto, hanno parua a venire, e ce lo dicono chiaramente''.

TexMed 2012


La situazione della sicurezza resta delicata, nonostante il fatto che, a difesa della Tunisia, siano scesi in campo tutti, dal presidente della repubblica, Moncef Marzouki, al premier, Hamadi Djebali, pronti, in ogni sede, a dire che il Paese e' sicuro. Ma le commesse quando arrivano non sono pari alle aspettative e questo, nel medio e lungo periodo, lascia aperto il timore che i buyuer si rivolgano altrove, spazzando, per paura, anni ed anni di collaborazione proficua, che si e' tradotta in una forza lavoro che ammonta a decine di migliaia di unita' e che s'e' sempre distinta per bravura e disponibilita'.

Il ''nemico'' e' alle porte e il suo nome e' Marocco, Paese che, con la sua aggressivita' in economia, sta progressivamente erodendo le certezze della Tunisia che non riesce a reggerne la competitivita', che ha la forza delle incentivazioni che il Regno propone e, insieme, il progressivo sgretolamento della sua immagine in termini di sicurezza. Ma la situazione lascia aperta una possibilita', che agli investitori e ai compratori occidentali (italiane e francesi, innanzitutto) si sostituiscano altri, come i turchi che, lentamente, partendo dalla politica, stanno mostrando un enorme interesse per la Tunisia.

Fonti: Ansa/FashionMag.com

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.