×
1 173
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Pubblicato il
27 nov 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tag Heuer potrebbe chiudere il negozio di Saint-Germain-des-Prés

Di
AFP
Pubblicato il
27 nov 2014

Il marchio di orologi Tag Heuer (gruppo LVMH), che ha recentemente ridimensionato il suo organico, aprirà solamente tre negozi in proprio il prossimo anno e si sta interrogando sul futuro della sua boutique di Saint-Germain-des-Prés a Parigi, ha indicato il suo CEO, intervistato da “Challenges”.

Il negozio di Saint-Germain-des-Prés (Foto: Tag Heuer)


Alla domanda se Tag Heuer rallenterà le sue aperture di negozi nel 2015, Stéphane Linder ha risposto: "Faremo poco. Tre sono previste in Cina, nazione nella quale possiamo ancora rafforzarci. Per il resto, si tratterà essenzialmente di franchising".

"In Francia", ha aggiunto, "non apriremo nuove boutique e stiamo riflettendo sul futuro del nostro punto vendita di Saint-Germain-des-Prés, “cannibalizzato” dal Bon Marché e dai nostri punti vendita di boulevard des Capucines e degli Champs-Elysées".

Le vendite nel settore dell'orologeria, notevolmente alimentate in questi ultimi anni dalla domanda cinese, stanno vivendo un anno più lento e la miniera d'oro rappresentata dal turismo comincia un po' ad esaurirsi, soprattutto in Europa.

Interrogato su quali saranno le conseguenze per Tag Heuer del calo dei consumi in Cina, il CEO ha minimizzato: "La Cina vale appena il 4% del nostro fatturato. Siamo un marchio piccolo nella Cina Continentale. Quanto a Hong Kong, le manifestazioni antigovernative non sono un elemento positivo per il business, ma anche là questa piattaforma pesa solo per il 3% sul nostro giro d'affari".

Stéphane Linder ha precisato che Tag Heuer ha venduto bene negli Stati Uniti, uno dei suoi maggiori mercati: "Abbiamo avuto un buon dinamismo nel Regno Unito e negli Stati Uniti".

Il massimo dirigente di Tag Heuer non prevede incrementi dei prezzi superiori al 2% nel 2015. "Quest'anno la crescita del mercato non dovrebbe superare il 4%. Abbiamo aumentato i prezzi del 2% nel 2014. Non andremo oltre questo limite del 2% anche nel 2015", ha assicurato Stéphane Linder.

Il CEO punta su "un incremento a una sola cifra" del fatturato di Tag Heuer nel 2015, e intende "riequilibrare" l'offerta sui prodotti il cui prezzo è compreso fra i 1.000 e i 3.000 euro.

Tag Heuer aveva annunciato a fine settembre il licenziamento di 46 persone in Svizzera e il collocamento di altre 49 in cassa integrazione fino al termine del 2014. Il marchio aveva motivato questi provvedimenti con un calo delle vendite che lo aveva costretto a diminuire la produzione di movimenti meccanici e in più a rinviare il lancio di un nuovo cronografo. Tag Heuer dà lavoro a circa 1.600 persone, la metà delle quali si trova in Svizzera.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.