×
1 723
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
30 lug 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Stefano Boeri (al “Design Master Forum”): “Cina e Italia unite anche dal design”

Pubblicato il
30 lug 2015

Si è svolto lo scorso 20 luglio al Padiglione Cinese ad Expo il forum “Da Shanghai a Milano – Design Master Forum”, al quale hanno partecipato diversi esponenti del mondo del design e della cultura italo/cinese. Il forum è stato un momento di incontro e riflessione tra le realtà cinesi e quelle italiane che ha portato alla firma di importanti accordi tra il nostro Paese e la Cina.

Stefano Boeri parla al Forum


L'incontro è stato aperto dal Console Generale della Repubblica Popolare Cinese a Milano, Liao Juhua, mentre il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jin Ping ha inviato i suoi saluti attraverso un video messaggio che tutti gli ospiti di Expo 2015 avranno modo di vedere all'interno del Padiglione Cinese per tutta la durata della manifestazione.
L’architetto e urbanista Stefano Boeri, che è intervenuto all’incontro, ha sottolineato come il design sia un valore che la Cina ha in comune con l’Italia: “Il design non è solo business e produzione, ma è uno stile di vita”. Boeri ha anche messo in risalto il rapporto tra nutrizione e valori condivisi: “Come in Italia anche in Cina il cibo è un elemento che unisce un intero Paese, passando attraverso le famiglie”.

Ruolo importante in questo meeting è stato quello del cinese A-Zenith Group, che ha realizzato i mobili per il padiglione della Cina. “L’obiettivo di A-Zenith Group è di associare la cultura occidentale a quella orientale e vedere il mondo da diverse prospettive ed interagire con i consumatori che hanno un diverso stile di vita”. Questo è quanto ha sottolineato il Presidente Gao Wei durante il dibattito.

A-Zenith ha arredato il padiglione della Cina


La notizia di maggior rilievo è che grazie ad Expo ed ai contatti che ne sono scaturiti verranno firmate delle joint venture con importanti realtà europee. Durante il forum, infatti, sono stati firmati tre “Cooperative Agreement” nel campo dei mobili (Calia Italia), nella produzione di materie plastiche e ingegneria meccanica (Fischler) e nella produzione di pelle di alta qualità (Gmelich-Leder). Inoltre, è stato ribadito l'impegno di A-Zenith Group, che aprirà proprio in Italia la sua prima sede europea, un importante obiettivo per consolidare le attività export/import del settore design. Infatti il gruppo cinese rappresenta in Cina vari marchi che hanno una storia di artigianato storica come Chelini, Calia, Volpato, Giusti, Canepa.

Al dibattito hanno anche partecipato l’architetto Duccio Grassi, l’artista cinese Shi Dayu, il visual designer Luca Sacchi, il professor Su Dan, Vice Rettore della Facoltà di Arte e Design della Tsinghua University (l'istituzione che ha realizzato proprio il progetto del padiglione per Expo), Carlo Capasa, Presidente C.N.M.I. e alcuni professori del Politecnico di Milano e della Domus Academy.

La firma dell'accordo fra Calia Italia e A-Zenith Group


Il Gruppo A-Zenith nasce nel 1985 e fonda la sua sede storica nel 1992 a Shanghai. A-Zenith fa sua la grande idea di Luban (famoso artigiano del legno del 500 a.C.) che con il suo grande contributo alla realizzazione dell’incastro del legno chiamato “tenone e mortasa” ha ispirato l’innovazione nel processo della produzione dei mobili. Il simbolo del marchio nasce dalla lettera cinese “亚”(Ya) cui vengono aggiunti il carattere e gli elementi del Tenone per creare un unico totem.

A-Zenith ha aperto 19 flagship nelle città principali dell'ex Impero Celeste, come Shanghai, Pechino, Nanjing, Suzhou. In tutta la Cina sono 147 i suoi negozi totali. L’impresa ha oggi circa 900 dipendenti tra designer, ingegneri, artigiani e dirigenti.

Un momento della discussione


A-Zenith ha realizzato tutti gli arredi del Padiglione Cinese ad Expo. Per adattarsi al tema "Land of Hope, Food for Life" e il suo display “Armonia tra cielo, terra e persona” del padiglione cinese, il team di designer ha confermato la seguente progettazione: i mobili utilizzano materiale naturali quali legno, porcellana, bambù e tessuto; la produzione viene realizzata con le tecniche speciali di “Shanghai-Style furniture” e la tradizionale tecnica “woodworking joints” dei mobili cinesi: le forme dei mobili si combinano con il padiglione cinese e gli elementi della tradizione culturale cinese si combinano con i requisiti del design occidentale; attraverso nove mesi di lavoro, il prodotto finale non è soltanto erede la cultura dei mobili tradizionali, ma incarna completamente il pensiero umanistico del design occidentale, e mostra lo spirito di Shanghai (“Tolleranza, Innovazione”) attraverso legno e bambù.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.