×
1 723
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters
Pubblicato il
11 apr 2017
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Stefanel punterà su "affordable quality" e wholesale

Di
Reuters
Pubblicato il
11 apr 2017

La nuova Stefanel in mano al fondo Attestor e alla management company Oxy Capital avrà un posizionamento di fascia media ('affordable quality'), lontano da pericolosi strappi verso il lusso così come dall'insostenibile concorrenza dal basso di Zara e H&M, e punterà sullo sviluppo del canale wholesale passando anche per un ridimensionamento della rete retail.

Stefanel


La scommessa di Stefano Romanengo e Stefano Visalli, fondatori di Oxy Italia, è salvare dal fallimento il gruppo di abbigliamento trevigiano con i 25 milioni di cassa fresca forniti quasi esclusivamente da Attestor e dalle banche creditrici, oltre a remunerare gli investitori nel giro di cinque anni, quando Stefanel dovrebbe essere rivenduta. Questo, almeno, è l'orizzonte temporale medio cui guardano i due imprenditori, secondo quanto spiega a Reuters uno dei due partner.

Venticinque milioni non sono tanti ma il piano di salvataggio si basa sul rilancio del prodotto e non prevede costosi investimenti in nuovi negozi. Meglio avere meno risorse ma giocarsela, piuttosto che portare i libri in tribunale, è la filosofia della management company.

Al closing, spiegano da Oxy, si dovrebbe arrivare entro l'estate, dopo il via libera Consob all'esenzione dall'obbligo di Opa e dopo l'omologa del tribunale dell'accordo di ristrutturazione sul debito ex art.182 bis della legge fallimentare. L'accordo di massima è stato raggiunto a fine marzo e prevede il passaggio del controllo della società da Giuseppe Stefanel a un veicolo gesito da Attestor e Oxy.

Non ci sarà quindi il delisting, un'operazione che sarebbe stata piuttosto onerosa. Le banche creditrici metteranno dunque 12,5 milioni di finanza fresca e altrettanti verranno da Trinity, un fondo gestito da Attestor (che è il partner finanziario di Oxy Capital, di cui possiede il 30%). La quota del fondo potrebbe scendere a 10 milioni se Giuseppe Stefanel verserà l'importo tra 1,25 e 2,5 milioni previsto dall'accordo; ma questo punto non è ancora stato definito, precisa Oxy.

Nel giro di 3-6 mesi arriverà un nuovo Amministratore Delegato, intanto nel C.d.A. di Stefanel è già entrato Visalli. "Sarà un AD del settore, è fondamentale trovare la persona giusta per il rilancio", spiega uno dei due partner.

Il modello di business di Attestor e Oxy è rilevare la maggioranza di aziende in crisi i cui debiti pesano sui bilanci delle banche come crediti 'unlikely to pay'. Agli istituti viene chiesto di rinunciare al credito fino a quando la società, rilanciata con un nuovo management e un nuovo piano industriale, non sarà rivenduta. Questo schema è stato seguito dai due fondi anche per le caldaie di Ferroli e per Olio Dante.

Le idee su Stefanel sono abbastanze chiare e partono dal fatto che il marchio, seppure un po' impolverato, è ancora riconosciuto e la sua rete retail ha un certo valore: "C'è spazio per crescere. Vogliamo spostarci più sul canale wholesale, ridimensionando e razionalizzando la rete di negozi, e spingere su marketing, social, promozioni. Il posizionamento resterà quello di 'affordable quality', per donne tra i 35 e i 50 anni, non per i millennial, un po' sopra il target di Benetton o Zara", spiega uno dei fondatori di Oxy.

"Uno dei problemi di Stefanel è stato quello di aver alzato troppo il target, spingendolo verso il lusso, senza che questo fosse accompagnato da una adeguata qualità. Così i consumatori non l'hanno seguito. Bisogna ricalibrare il rapporto qualità/prezzo alzando il livello dei tessuti e della confezione. Per questo pensiamo anche a un reshoring dei fornitori, riducendo il peso dei fornitori cinesi e riportandone una parte in Europa, cioè in Italia, Turchia, Romania", conclude il partner di Oxy.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.