×
1 747
Fashion Jobs
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
Adnkronos
Pubblicato il
5 apr 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

SMI: consumi abbigliamento in calo del 2,3% nel 2012

Di
Adnkronos
Pubblicato il
5 apr 2012

Previsioni a tinte fosche per il settore abbigliamento nel 2012 stando alle previsioni dell'Osservatorio permanente di Sita Ricerca, Fashion Consumer Panel, presentato nell'ambito del tradizionale appuntamento sulla situazione dei consum nella sede di Sistema Moda Italia .


Foto Adnkronos

L'anno in corso vedrebbe un ulteriore calo per il settore del 2,3% rispetto alle previsioni dei consumi complessivi (-1,4%). I prezzi si manterranno flat per via dell'orientamento degli italiani verso prodotti/canali 'promozionati'. Il 2013 si annuncia più dinamico con una ripresa dei consumi di intimo, accessori e calzature.

Relativamente all'abbigliamento, l'atteggiamento degli italiani sarebbe, stanto a un'indagine di Sita svolta su un un panel di oltre 2000 individui in 5 paesi ( Italia, Germania, Francia, UK, Russia) davvero poco incoraggiante; la stragrande maggioranza delle dichiarazioni indica una riduzione dei consumi.

Meno negativo l'atteggiamento in Germania e specialmente in Russia dove il vestiario mantiene ancora un valore di status ed è vivo il desiderio di raggiungere al più presto gli standard di consumo occidentali.

Le vendite in promozione/saldo sono aumentate oltre il 20% a discapito del prodotto full price. Particolare accentuazione della pressione promozionale nell'ultima stagione (Autunno/Inverno 2011) fino a ridosso di Natale, con promozioni innovative (come ad esempio la 'rottamazione', promozioni speciali per un giorno con evento, su un prodotto particolare, gratta e vinci, partecipazione a concorsi). Male però i saldi di gennaio 2012, a dimostrazione che la promozione permanente rende meno appealing i saldi 'canonici'.


Foto Adnkronos

Maggior difficoltà al Sud e nelle classi di età oltre i 35 anni che, in vista di una diminuzione complessiva di potere d'acquisto, riducono maggiormente le spese percepite come superflue come l'abbigliamento. In una situazione di brusca frenata dei consumi gli unici canali in crescita, ed in forte crescita, sono risultati gli outlet (+30%) e internet (+60%) che garantiscono un ottimo rapporto qualità-prezzo, un amplia offerta ed un'esperienza d'acquisto appagante.

Nel 2011 intensamente colpiti tutti i settori del fashion system. E' stato il settore abbigliamento donna, solitamente più dinamico, a registrare il calo più profondo nell'ultima stagione (Autunno/Inverno 2011).

"I dati presentati da Sita Ricerca - commenta Michele Tronconi, presidente di Sistema Moda Italia - ci dicono due cose. La prima è che dobbiamo guardare ai mercati esteri con ancora maggior decisione e, in particolare, a quelli che sono significativamente in crescita; Cina in testa. La seconda è che occorrono interventi a sostegno della competitività delle nostre imprese, in primo luogo sul versante della riduzione dei costi dell'energia e sulla fiscalità del lavoro. Perchè se si vuole esportare di più si deve anche essere in grado di produrre di più, in Italia. Ad oggi ciò che serve immediatamente non è ancora del tutto presente nel pacchetto di misure decise dal Governo".

Copyright © 2022 AdnKronos. All rights reserved.