×
1 174
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
10 dic 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sixty: un futuro sempre più incerto

Pubblicato il
10 dic 2012

Le cattive notizie si moltiplicano per il gruppo di moda Sixty, che detiene i marchi Miss Sixty, Energy, Refrigiwear, Killah e Murphy&Nye. Acquistata la scorsa primavera dal gruppo asiatico Crescent HydePark, la società, che ha chiesto a settembre il concordato preventivo, sta riducendo drasticamente le attività in Europa.


La filiale francese, che impiegava 32 persone, è stata messa in liquidazione dal Tribunale del Commercio di Parigi il 4 dicembre. Secondo il giornale portoghese "Diario Economico", la stessa sorte spetterebbe alla filiale di Sixty in Portogallo, dove il gruppo impiega 37 persone e realizza un fatturato di 10 milioni di euro. Le attività in questo Paese sono state notevolmente ridotte da circa un mese con la chiusura di 5 negozi, mentre la sede dovrebbe chiudere il 23 dicembre, sempre secondo "Diario Economico".

Sul mercato inglese, numerosi ordini per la collezione dell’estivo 2013 di Miss Sixty sarebbero stati annullati presso il canale multimarca, rivela il sito inglese Drapersonline.com. "La società preferisce concentrarsi sulle vendite al dettaglio", riferiscono vari commercianti citati nell’articolo. "A Londra avevamo 13 grossi ordini che sono stati annullati. I nuovi proprietari hanno grandi difficoltà a consegnare gli ordini per la stagione primavera/estate 2013, e pare che il prossimo campionario autunno/inverno 2013-14 non riesca proprio ad uscire", spiega Marino D’Andrea, rappresentante sindacale Cgil presso il personale di Sixty in Italia.

Nella sede di Chieti lavorano ora solo circa 40 persone su un totale di 400, per lo più negli uffici commerciali, mentre il direttore generale Michel Lhoste ha lasciato l’azienda un mese fa. “La gestione di tutte le linee è passata dall’Italia a Crescent HydePark, un gruppo che detiene altri brand e circa 2.000 punti vendita in Asia. Il piano industriale della nuova proprietà prevede la creazione di una nuova società che dovrebbe gestire soltanto il mercato italiano per espandersi poi in Europa. È una contraddizione con quello che sta succedendo, perché stanno chiudendo negozi, anche in franchising, sia in Italia sia in Europa”, nota il sindacalista.

Con questo piano la nuova società salverebbe solo 50 posti di lavoro, che potrebbero salire a 120 entro il 2018, con la possibilità di gestire i marchi di Sixty per cinque anni, più altri 5 rinnovabili. "Non sono stati dati maggiori dettagli sui mercati in cui la nuova proprietà intende sviluppare Sixty. L’impressione è che non abbia la capacità di gestione per i nostri marchi", conclude Marino D’Andrea.

L’azienda, sollecitata da FashionMag.com, non ha dato risposte. Per cercare di trovare una soluzione di rilancio, un nuovo incontro è stato fissato a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico il 19 dicembre, in presenza del sottosegretario Claudio De Vincenti.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.