×
1 334
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
23 ott 2013
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Seafarer: il rilancio parte dall’Italia

Pubblicato il
23 ott 2013

Seaferer resuscita partendo dall’Italia. Lo storico marchio di pantaloni nato nel 1900 a Brooklyn si rilancia sul mercato grazie a un gruppo di cinque amici-imprenditori italiani: Alberto Raengo, il talent scout che ha individuato il marchio, Massimiliano Tabacchi, l’amministratore delegato, Federico Barina, esperto nel prodotto, Andrea Benvegnù, specializzato nel retail e Andrea Nuzzo, focalizzato sulla parte commerciale. Il brand, che forniva la marina militare americana fino agli anni ‘90 è stato rilevato all’inizio del 2012 dal gruppo di moda francese Façonnable, che deteneva Seafarer senza averlo mia sviluppato.

Seafarer, autunno/inverno 2013


La storia dei Seafarer inizia da una necessità: i marinai hanno bisogno di pantaloni da togliersi in fretta, in caso di tempeste. I pantaloni, quindi, hanno la vita alta, i fianchi ben disegnati, le tasche applicate frontalmente e la gamba a zampa. Un modello che sarà in seguito ricopiato da tutti. Finiti nei mercatini dell'usato negli anni Sessanta e Settanta i Seafarer vengono riscoperti e rivivono una seconda vita sul corpo di numerose personalità, quali Brigitte Bardot, Isabelle Adjani, Ursula Andress, Jane Birkin, Raquel Welch, Jaqueline Blisset, Farrah Fawcett, ecc.

“Per ricostruire l’immagine del brand, poco conosciuto in Europa, siamo ripartiti proprio dal periodo degli anni Settanta con le celebrities di allora. Abbiamo ridisegnato questa immagine portando una grande attenzione al fitting. Il nostro modello icona è quello del pantalone scampanato. La collezione è composta da una decina di pantaloni declinabili in 6/7 varianti di tessuti e di colori, e da alcune camicie. Tutto è prodotto rigorosamente in Italia”, spiega Massimiliano Tabacchi.

Sono state create due società a Saonara, in provincia di Padova: Seabreaker S.r.l., la società commerciale, e Brand Cube S.r.l., la società proprietaria del marchio. Il brand è stato lanciato ufficialmente lo scorso gennaio con un evento organizzato presso il concept store parigino “Colette” e un video diviso in tre episodi realizzato dalla blogger francese Garance Doré.

Modello di pantaloni Seafarer, autunno/inverno 2013


I pantaloni Seafarer sono venduti ad un prezzo che va dai 180 ai 240 euro. Con la prima collezione per l’autunno/inverno 2013 Seaferer ha raggiunto un centinaio di clienti multimarca, di cui 70 in Italia. Nel giro di una stagione, il brand ha più che raddoppiato il fatturato ed arriva oggi sui 180-200 clienti.

“Tutti clienti ottimi: da Luisa Via Roma, ad Antonia, al Duca D’Aosta, e poi La Rinascente, Colette, ecc.”, sottolinea l’AD, che sta avviando lo sviluppo sui mercati esteri. In particolare negli Stati Uniti, con Simon Showroom. Il marchio sta inoltre entrando nei Paesi scandinavi, mentre la distribuzione è stata affidata a Qlip per la Francia, a Toeffer per la Germania e a Blue Fashion per il Benelux. In Italia e per il resto del mondo è RiccardoGrassiShowroom che segue il marchio. Entro fine mese, inoltre, sarà attivo l’e-commerce.

La direzione artistica è stata affidata ad Angela Biani. Inoltre, per i tessuti il marchio si avvale anche di consulenze esterne. Dopo una prima collaborazione con Ken Scott, che sarà rinnovata per la primavera/estate 2014, Seafarer si è associato a Roberta di Camerino per l’autunno/inverno 2013-14. “Il nostro modello di business è flessibile e come costi siamo molto snelli. Abbiamo inoltre scelto di essere integralisti, posizionandoci su una nicchia particolare, quella del pantalone per donna”, conclude Massimiliano Tabacchi.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.