×
1 508
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Rossignol spinge sulla moda

Di
Reuters
Pubblicato il
today 2 dic 2015
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il produttore francese di sci e abbigliamento sciistico Rossignol ha assunto un ex dirigente del marchio Pierre Balmain (Alessandro Locatelli) per guidare la sua penetrazione nel mondo dell'abbigliamento fashion, e ha anche l'intenzione di aprire sei boutique sulle Alpi e di partecipare alla Settimana della Moda di Milano.

Rossignol, un look per il doposci - Rossignol


Rossignol diventerà così il principale rivale del produttore di piumini Moncler, marchio che ha rappresentato una delle maggiori storie di successo dell'Italia in questi ultimi anni, e che ha costruito la sua attività sul crescente appetito dei consumatori per un abbigliamento per le attività outdoor che fosse anche chic. L'altro principale competitor di Rossignol sarà il marchio canadese Arcteryx, che fa parte del gruppo finlandese Amer Sports.

Ma mentre giacche a vento e piumini saranno tra i prodotti di punta del Rossignol nuovo corso, la società prevede anche di sviluppare una più vasta gamma di collezioni di abbigliamento per la città, per lo sci e il doposci, ha dichiarato Alessandro Locatelli, che è entrato in Rossignol quest'anno, in un'intervista all'agenzia di stampa Reuters.

"Vorrei che il brand esprimesse la fusione di tecnologia ed eleganza", ha dichiarato Locatelli, che ha gestito le operazioni a Hong Kong del marchio francese di moda Pierre Balmain e prima ancora le attività delle licenze di abbigliamento del gruppo Ittierre, come Just Cavalli e C'N'C Costume National.

Dopo anni di risultati alquanto piatti, con una domanda debole per i suoi prodotti, Rossignol è tornato a generare profitti nel 2010, dopo aver tagliato dei posti di lavoro e aver razionalizzato impianti di produzione e linee di prodotto. Ampliando il suo business nell'abbigliamento ridurrà la sua dipendenza dalla stagione invernale e arriverà a toccare un mercato che sta crescendo rapidamente, in quanto sempre più persone si avventurano fuori delle città per trascorrere del tempo a contatto con la natura.

Rossignol, uno dei marchi di sci più grandi e più longevi del mondo, mira ad aumentare significativamente la quota di ricavi che ottiene dall'abbigliamento, oggi attestata a circa il 10% del fatturato, ha puntualizzato Locatelli. Le sue vendite totali sono state di 241 milioni di euro nell'ultimo esercizio finanziario, chiuso il 31 marzo.

Il mese scorso, Locatelli ha inaugurato un ufficio per la nuova unità appena creata (di cui è il CEO) Rossignol Apparel in Corso Venezia a Milano, zona in cui molti marchi di moda e lusso hanno uffici e negozi.

Locatelli ha aggiunto che Rossignol rinnoverà la sua boutique di Chamonix e aprirà negozi a Megève, Courmayeur, Cortina d'Ampezzo, Crans Montana e St. Moritz nei prossimi mesi.

Rossignol è controllato dal fondo di private equity Altor, che ha finanziato la ripresa del marchio di abbigliamento norvegese Helly Hansen. Inoltre, lo scorso anno la società di private equity Sandbridge Capital ha acquisito una quota di minoranza di Rossignol per finanziare la sua espansione nel settore dell'abbigliamento.

Sandbridge possiede quote azionarie dei brand Derek Lam, Top Shop, Tamara Mellon e Karl Lagerfeld, e conta Tommy Hilfiger e l'ex boss di Gucci Domenico De Sole tra i suoi consiglieri.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2019 All rights reserved.