×
1 272
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
20 nov 2008
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Romeo Gigli: grande ritorno sulla scena

Di
Ansa
Pubblicato il
20 nov 2008


Romeo Gigli è tornato, ed è proprio lui medesimo: per fugare ogni dubbio la sua nuova e sofisticata griffe si chiama 'Io Ipse Idem'. Da oltre 4 anni c'é un logo che porta il suo nome ma non la sua firma, e c'é un processo: "ci sono state già - spiega lo stilista - tre pronunce e un risarcimento a mio favore, ma in attesa che si concluda tutto l'iter giudiziario ero stufo di rigirarmi le dita e, visto che non posso usare il mio nome, almeno me stesso sì!".

Per la verità Romeo in tutto questo tempo non era rimasto con le mani in mano, aveva dato vita a Rebecca Brown, una piccola etichetta che ora si è dissolta per lasciare spazio alla più strutturata nuova sfida, presentata oggi a Milano da tutti i soci.

Catherine Vautrin (ex amministratore delegato di Emilio Pucci e artefice del suo rilancio) ha accettato di guidare la nuova piccola società (Diwi srl) di cui fanno parte Michele Denegri, amministratore delegato della torinese Investimenti e Partecipazioni (Ip) e Luciano Donatelli (ex top manager di Zegna) che, con le aziende Rpb e Novaseta, ha messo a disposizione di Romeo un network produttivo biellese, una 'collana' di piccole aziende eccellenti, in grado di realizzare qualsiasi sofisticata collezione, dalle maglie ai cappotti, dagli abiti da sera ai completi da uomo.

Donatelli, già partner nella griffe Rebecca Brown, ha dato il vero input a Io Ipse Idem, ha coinvolto sia la Vautrin sia la società di private equity IP, nuova alla moda, ma in grado di accettare che occorrano "dai 3 ai 5 anni perché un progetto del genere funzioni e si autofinanzi". Il gruppetto è già al lavoro da 7 mesi, in grande silenzio.

Ora è tutto pronto per l'esordio, c'é perfino una collezione zero, caso più unico che raro nella moda: oggi è stata mostrata alla stampa, ma non è in vendita, è solo una bellissima prova tecnica, servirà anche per mostrare al mondo, ai vecchi clienti e ai nuovi mercati, che Gigli è tornato.

"Mi é stata data la possibilità di inventare e sperimentare - spiega Romeo -, di collaudare tutto con le persone capaci di farlo". Ha un'energia nuova ma un cuore antico, questa sfida, che ripartirà da Parigi, la città dove esplose il fenomeno Gigli e dove oggi "le collezioni sono accolte e guardate con grande attenzione.

Rispetto Milano, dove vivo e lavoro, ma a parte 4-5 firme di grande livello - dice lo stilista - qui tutto é più omologato. Parigi è più sfaccettata, i designer possono raccontarsi in vari modi e in questo senso mi corrisponde di più".

Romeo non vuole addentrarsi nelle vicende che lo contrappongono al gruppo It Holding che deteneva il marchio Gigli e alla Mood di Mancinelli "che - dice lo stilista - ancora non è chiaro quali diritti abbia sulla griffe".

Ma ci tiene a sottolineare di non essere mai stato un creativo irresponsabile o insensibile alle ragioni della produzione industriale, anzi: "Quando entrò nel gruppo di Perna, la Romeo Gigli fatturava 250 miliardi di lire, in due anni la fecero scendere a 20 miliardi!".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.