×
1 629
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
30 nov 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Richemont conferma i buonissimi risultati del primo semestre

Pubblicato il
30 nov 2010

30 nov 2010 - Come annunciato, il gruppo numero due mondiale del lusso ha messo a segno un incremento delle vendite del 37%, a 3,259 miliardi di euro, sui primi sei mesi dell'esercizio 2011, chiuso al 30 settembre, e un incremento dell'87% degli utili, a 644 milioni di euro. Un risultato in parte dovuto ai 102 milioni di euro di guadagni eccezionali di net-à-porter.com.

Nel suo comunicato, Johann Rupert, PDG e principale azionista del gruppo, ha affermato che questa fase di schiarita e serenità economica dovrebbe proseguire a ritmo più moderato nel secondo semestre. Il motivo risiederebbe soprattutto negli effetti del cambio valutario per il gruppo, che tiene la sua contabilità in euro. In totale, la progressione delle vendite è stata del 27% a tasso di cambio costante, e del 22% escludendo l'acquisizione di net-à-porter.com. Vendite ancora una volta abbastanza equilibrate fra il retail e il wholesale, con quest'ultimo comunque leggermente superiore, a 1,737 miliardi di euro contro gli 1,522 per il retail. Le numerose aperture intervenute negli ultimi due anni hanno fattivamente contribuito all'aumento del 24% delle vendite in questo settore (escludendo net-à-porter.com), che comprende 855 boutique nel mondo.

Comprendendo tutti i continenti dunque, la crescita delle vendite si rivela tale in tutte le attività del gruppo. Senza sorpresa, sono le cifre del comparto gioielleria (Cartier, Van Cleef & Arpels in testa) a posizionarsi in testa con 1,619 miliardi di euro. Seguite da quelle del settore orologeria (Jaeger-LeCoultre, Panerai, Piaget, Vacheron Constantin, IWC, Baume & Mercier, A.Lange & Söhne, …), poi dalle attività “altre” – principalmente net-à-porter.com e Lancel, e infine dall'attività strumenti di scrittura, rappresentata in maggioranza da Montblanc.

Così, nei primi sei mesi, il risultato operativo del gruppo è praticamente raddoppiato (+95%), arrivando a 760 milioni, con un margine corrispondente del 23,3%, contro il 16,4% di un anno prima. Le liquidità sono passate da 321 a 598 milioni di euro.

Geograficamente, l’Europa guida l'insieme delle regioni economiche, con i suoi 1,260 miliardi di euro di vendite (+23%) che valgono il 38% dell'intera torta. Delle cifre ottenute in particolare grazie ai turisti dei paesi emergenti, arrivati in un certo senso “in soccorso” del Vecchio Continente, seguito comunque dappresso dalla zona Asia-Pacifico (escluso il Giappone) che fa registrare anch'essa una rimarchevole progressione (+36%), a 1,157 miliardi di euro.
Il continente americano invece ha ottenuto l'aumento maggiore (+37% a cambio costante, a 489 milioni di euro) e rappresenta il 15% delle vendite mondiali del gruppo.

Di Emilie-Alice Fabrizi (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Business