×
1 076
Fashion Jobs
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 nov 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Reebok: il nuovo amministratore delegato di Adidas annuncia una ristrutturazione

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 nov 2016

Per la sua prima presentazione dei risultati trimestrali, Kasper Rorsted ha pensato ad un'entrata ad effetto. Al di là dell'aumento delle vendite di oltre il 10%, il nuovo CEO di Adidas, ai comandi dell'azienda tedesca dall'inizio di ottobre, ha anche annunciato la ristrutturazione di Reebok. Un piano al quale il dirigente danese spiega di aver destinato 30 milioni di dollari.

Kasper Rorsted ha preannunciato la prossima riorganizzazione di Reebok - Adidas


Nella presentazione con gli analisti finanziari, il manager ha sottolineato in particolare che dopo il suo riposizionamento il brand ha registrato una crescita costante negli ultimi 14 trimestri, ma ha precisato che la sua crescita è più lenta di quelle degli altri attori di riferimento del settore e che Reebok non è mai cresciuto in America negli ultimi 3 anni. Kasper Rorsted ha terminato l'incontro ricordando che all'interno del gruppo il marchio statunitense rappresenta circa il 10% del fatturato totale, ma anche che il suo rendimento è ben al di sotto della media.

La nuova organizzazione dovrebbe permettere a Reebok di staccarsi dalle strutture di Adidas, potendo avvalersi di un team esclusivamente focalizzato su di esso. Il piano implica anche la chiusura della sede attuale e l'installazione, all'inizio del 2017, di una nuova sede sempre a Boston, negli USA. Delle 950 persone che attualmente lavorano in sede, 650 entreranno nel nuovo edificio, 150 saranno disseminate in altre strutture in Nord America e 150 posti di lavoro saranno soppressi.

Il dirigente ha anche annunciato un piano di chiusure di negozi in Nord America, circa il 50% dei quali sarà costituito da outlet. Reebok si propone quindi di concentrarsi sulla vendita in negozi multimarca, avvalendosi in particolare della notorietà acquisita nell'universo del fitness a livello internazionale. Nel contempo, sempre secondo il dirigente danese, dissociare Reebok da Adidas dovrebbe consentire al marchio delle tre strisce di focalizzarsi meglio sul proprio rilancio in Nord America.

E' chiaro però che questa ristrutturazione di Reebok fa di nuovo emergere la prospettiva di una vendita, regolarmente riproposta come concreta possibilità da molti osservatori finanziari. Acquistato nel 2005 da Herbert Hainer, il precedente boss del gruppo tedesco, per permettere ad Adidas di penetrare meglio il mercato statunitense, Reebok, secondo molti analisti, non ha raggiunto il suo obiettivo.

Comunque, il marchio statunitense ha realizzato un volume d'affari di 1,3 miliardi di euro nei primi 9 mesi del suo esercizio 2016, in aumento dell'1% rispetto al 2015. Per ora Kasper Rorsted non ha voluto commentare queste ipotesi strategiche. I suoi piani per il gruppo saranno esposti con maggiore ampiezza dopo la pubblicazione dei risultati annuali il 14 marzo prossimo, durante la presentazione della sua strategia agli azionisti.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.