×
1 657
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
16 dic 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Quiksilver, in piena ristrutturazione, ha sofferto nel 2013

Pubblicato il
16 dic 2013

Tra qualche mese, Quiksilver non avrà più lo stesso volto. Certo, la strategia allestita dal CEO Andy Mooney, arrivato un anno fa alla testa del gruppo di marchi per gli sport di scivolamento, si basa sempre su Quiksilver, Roxy e DC, le tre locomotive del gruppo. Tuttavia, per il resto, in società è in atto una rifondazione globale partita dalle fondamenta. "Abbiamo compiuto notevoli progressi sugli elementi chiave del nostro piano per migliorare i profitti, nel corso degli ultimi mesi", ha dichiarato il CEO alla presentazione dei risultati annuali. "Nel quarto trimestre, abbiamo continuato nella strategia di dare la giusta dimensione alle nostre operazioni a livello mondiale. Abbiamo chiuso i negozi sotto-performanti, ridotto il numero di atleti sotto contratto, ceduto delle attività non essenziali e fatto dei progressi importanti nello stabilire controlli nel processo di gestione della catena di fornitura su scala globale".


Roxy è il marchio del gruppo che ha resistito meglio nel 2013. Foto: Roxy

Questi provvedimenti puntano a condurre il gruppo sulla strada della redditività. Perché nell'esercizio 2013, chiuso il 31 ottobre, Quiksilver ha registrato perdite nette per 169 milioni di euro, contro gli 8 milioni dell'anno scorso. L'utile operativo resta invece positivo, calando però da 33 milioni a 1,9 milioni. Il fatturato è diminuito del 6%, a 1,315 miliardi di euro (1,942 miliardi di dollari USA).

Nel dettaglio, DC ha avuto il ribasso più importante, pari a un -8%, trascinato verso il basso da un ultimo trimestre a -25%, per un giro d'affari annuo di 394 milioni di euro. Gli altri due brand hanno messo a segno delle vendite stabili nell'ultimo trimestre, ma sono anche in calo sull'esercizio nella sua totalità. Quiksilver, con 524 milioni, incassa un -7%, mentre Roxy limita la tendenza negativa a un -2%, realizzando vendite per 371 milioni.

Considerando invece i canali di distribuzione, l’e-commerce realizza delle belle performance, con un 25% di vendite in più, a 50 milioni di euro. L’attività nella vendita al dettaglio si difende, con un ribasso dell'1% e delle vendite in comparabile stabili a 325 milioni. Al contrario, la vendita all'ingrosso, il segmento più importante per il gruppo, accusa una contrazione dell'8%, a 938 milioni di euro.

Infine, nessuna regione spicca quest'anno. Le Americhe sono calate del 7%, a 645 milioni di euro, l’Europa-Medio Oriente–Africa mette a segno un -6%, a 459 milioni, e la zona Asia-Pacifico si contrae dell'8%, a 205 milioni.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.