×
1 116
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
5 giu 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PVH: Tommy HilfigerCalvin Klein faticano in Nord America

Pubblicato il
5 giu 2015

Nel primo trimestre del proprio esercizio 2015, il gruppo PVH ha visto calare il fatturato del 4%, dopo l'applicazione dei tassi di cambio (+3% prima del passaggio in dogana), rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Tommy Hilfiger deve registrare un calo di fatturato pari all'11% dopo i cambi nel trimestre - Tommy Hilfiger


Nel trimestre chiuso il 3 maggio, il gruppo ottiene dunque 1,879 miliardi di dollari (1,675 miliardi di euro) nelle sue tabelle contabili. PVH spiega che questo calo era previsto e che è persino meno importante di quanto si attendeva. Comunque, il dettaglio dell'attività di questi tre mesi non è meno interessante.

Infatti, nel periodo, i suoi due marchi di punta, Calvin Klein e Tommy Hilfiger, hanno registrato delle contrazioni, e non solamente per effetto dell'applicazione dei tassi di cambio. In effetti, Calvin Klein registra un fatturato di quasi 654 milioni di dollari, contro i 665 milioni (583 milioni di euro contro 593 milioni) di un anno prima, vale a dire un -2% (+5% prima dei cambi). Il suo business internazionale passa da 328 a 315 milioni (da 292 a 281 milioni) mentre in America del Nord rimane stabile, passando da 338 a 339 milioni di dollari (da 301 a 302 milioni di euro).

Tuttavia, il gruppo sottolinea che, sebbene la propria attività a perimetro comparabile nei suoi negozi esteri sia progredita del 10%, avvantaggiata dalla presenza del nuovo anno cinese nel calendario del trimestre, in America del Nord essa è calata dell'1%.

Per Tommy Hilfiger, la situazione è ancora peggiore. Il fatturato del marchio è diminuito dell'11% (+1% prima dei cambi) a 767 milioni (684 milioni di euro), con un calo del giro d'affari da 500 a 413 milioni di dollari (da 446 a 368 milioni di euro) per l'attività internazionale e da 362 a 354 milioni (da 323 a 316 milioni di euro) in America del Nord.

Per quanto riguarda la vendita diretta, le vendite nei suoi negozi a perimetro comparabile sono aumentate del 2% all'estero e sono calate del 3% nei negozi nordamericani del gruppo. PVH Corp stima che questa contrazione è dovuta al calo del numero di turisti entrati nei suoi flagship.

Il marchio Van Heusen ha visto aumentare del 14% il proprio giro d'affari nel trimestre - Van Heusen


Alla fine, la divisione più dinamica del gruppo è stata quella dei marchi 'Heritage'. Trascinata verso l'alto da una consegna in upstream di alcuni prodotti e da una crescita delle vendite del 14% del brand Van Heusen, il polo mostra un giro d'affari di 458 milioni, contro i 436 milioni di dollari (da 408 a 389 milioni di euro) di un anno prima.

Nel trimestre, il gruppo manifesta comunque una valida redditività, vedendo il risultato prima di interessi e imposte passare da 84 a 177 milioni di dollari (da 75 a 158 milioni di euro). Una progressione legata al fatto che, l'anno scorso, il gruppo ha dovuto accollarsi la contabilizzazione di un debito e la finalizzazione dei costi per l'acquisto e l'integrazione di Warnaco per la cifra di 93 milioni di dollari (83 milioni di euro).

Il gruppo fornisce così delle previsioni di risultati corrette al rialzo per la totalità dell'esercizio, attendendosi, dopo l'impatto dei tassi di cambio, dei cali di fatturato dell'1% per Calvin Klein, del 7% per Tommy Hilfiger e del 3% per il segmento 'Heritage'.

Al termine, il suo fatturato dovrebbe diminuire del 3%. PVH annuncia inoltre che il suo CdA ha votato un programma di acquisto di azioni per 500 milioni di dollari (446 milioni di euro) in tre anni.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.