×
1 426
Fashion Jobs
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
Di
Adnkronos
Pubblicato il
29 lug 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puma risponde alla campagna di Greenpeace e dice basta agli inquinanti

Di
Adnkronos
Pubblicato il
29 lug 2011

Puma, la terza azienda al mondo per l'abbigliamento sportivo, risponde alla campagna internazionale di Greenpeace 'Detox' assumendo l'impegno di eliminare entro il 2020 l'uso delle sostanze chimiche pericolose dall'intera catena produttiva e dai prodotti in commercio.

Greenpeace, Puma
Puma "Suede Overspray"

Lo comunica Greenpeace, che nel rapporto "Dirty Laundry" ha denunciato il legame commerciale fra i proprietari di due complessi industriali cinesi dove l'organizzazione ha prelevato campioni di acqua di scarico - lo Youngor Textile Complex e il Well Dyeing Factory Limited - e diverse marche sportive nazionali e internazionali, tra cui Adidas, Nike e Puma.

"Il primo round della sfida Detox è stato vinto da Puma: ora Nike e Adidas si devono affrettare per non perdere del tutto la sfida contro l'inquinamento", commenta Vittoria Polidori, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace che aggiunge: "I maggiori brand sportivi devono avere la leadership non solo nelle vendite, ma anche nel guidare l'industria tessile verso una chimica pulita".

Greenpeace, Puma

L'impegno preso da Puma ha molti degli elementi che Greenpeace giudica cruciali per guidare il settore verso un cambiamento di sistema: dall'approccio precauzionale nella gestione delle sostanze chimiche, all'identificazione di una chiara scadenza per raggiungere l'obiettivo 'scarichi zero', fino all'eliminazione di tutte le emissioni di composti pericolosi lungo la catena di produzione.

L'azienda si è inoltre impegnata a pubblicare entro otto settimane un 'piano di attuazione' che descrive dettagliatamente come intende procedere per mantenere la sua promessa. Per chiedere ad Adidas e Nike di vincere la sfida contro l'inquinamento, sul sito di Greenpeace International è attiva la petizione on-line: http://act.gp/DetoxNow.

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.