×
1 193
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Sales Manager Rtw Man
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Product Manager Borse e Accessori
Tempo Indeterminato · QUARTO INFERIORE
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Internal Audit Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Export Manager Abbigliamento Uomo/Donna
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Tecnico/a Industrializzazione Calzature
Tempo Indeterminato ·
CONFIDENZIALE
Retail Area Manager Lombardia e Piemonte
Tempo Indeterminato · MILANO
MANTERO SETA
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · GRANDATE
SWAROVSKI
District Manager - Central Italy
Tempo Indeterminato · ROMA
MIROGLIO FASHION SRL
Buyer
Tempo Indeterminato · ALBA
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
ALEXANDER MCQUEEN ITALIA
Alexander Mcqueen Stock Controller
Tempo Indeterminato · REGGELLO
FRATELLI ROSSETTI SPA
Junior Buyer
Tempo Indeterminato · PARABIAGO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Global Collection Merchandising Manager Shoes, Bags And Small Leather Goods
Tempo Indeterminato · BREGANZE
ALEGRI TRADE
Impiegato Ufficio Vendite
Tempo Indeterminato · PRATO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Junior Sales Manager Lombardia - Settore Gioielli
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Credit Specialist e Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Prototipia e Industrializzazione Abbigliamento Donna
Tempo Indeterminato · VICENZA
Di
Pubblicato il
17 mag 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puma pubblica i primi dati del suo Conto Economico Ambientale

Di
Pubblicato il
17 mag 2011

«Comprendere meglio da dove provengono le risorse naturali e i servizi da cui Puma dipende; il fatto poi che non siano inesauribili aiuterà Puma a forgiare un modello economico più solido e sostenibile che, in ultima analisi, gli permetterà di gestire in modo migliore il suo impatto sull'ambiente», ha spiegato Jochen Zeitz, PDG di Puma e direttore dello sviluppo sostenibile di PPR, gruppo proprietario del brand tedesco, lunedì 16 maggio, a seguito della pubblicazione dei primi dati del Conto Economico dei risultati ecologico-ambientali.

Puma
Immagine pubblicitaria Puma

Puma ha infatti deciso da tempo di innovare in materia di sviluppo sostenibile e di giocare la carta della trasparenza. Così, il marchio valuta l’impatto ambientale diretto della sua attività a 7,2 milioni di euro e a 87,2 milioni quello dei suoi fornitori. Vale a dire un impatto sull'ambiente (fra quello delle emissioni di gas a effetto-serra e quello dell'utilizzo d'acqua sull'insieme della catena del valore di Puma) valutato a 94,4 milioni di euro. E se Puma ha scelto di misurare le conseguenze dei gas-serra e del consumo d'acqua in questa prima tappa del suo Conto Economico Ambientale, è perché queste ultime hanno l'impatto maggiore e più importante sull'ambiente.

Delle misurazioni – rispettivamente effettuate dalle aziende PwC e Trucost – che hanno pesato sulla totalità della catena del valore di Puma (dalla produzione delle materie prime alle attività operative di Puma), mettendo in luce che sono i fornitori detti di «4a fila» (cioè i produttori di materie prime provenienti da risorse naturali) che sono responsabili del 36% del totale delle emissioni di gas-serra (19,7 milioni di euro) e del 52% dell'utilizzo totale di acqua (24,7 milioni di euro): «Fatto che mostra che l'attività che causa il maggior consumo di acqua nella produzione di una t-shirt si svolge nella prima tappa della sua fabbricazione: la coltivazione del cotone», spiegano dall'interno del gruppo.

Puma, che ha in previsione di ridurre del 25% le sue emissioni di carbonio e il suo consumo di energia e d'acqua da qui al 2015, mostra così che la maggior parte del lavoro per ridurre il suo imprinting sull'ambiente dovrà essere effettuato tra i suoi fornitori e subappaltatori.

Un'analisi che costituisce la prima parte della fase 1 (i cui risultati saranno resi noti nell'autunno 2012) di un processo in tre tempi che andrà a sfociare nell'elaborazione di un «Conto Economico Ambientale, Sociale e Finanziario globale».

La fase 2 affronterà i fattori sociali, come le retribuzioni eque o le condizioni di lavoro, per permettere l'elaborazione del «Conto Economico Ambientale e Sociale» e la fase 3 i benefici sociali ed economici legati all'attività di Puma.

Sarah Ahssen (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.