×
1 407
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA
HERMES ITALIE S.P.A.
Internal Audit Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci_Industrial Controller
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Direttore Marketing
Tempo Indeterminato · ROMA
AFS INTERNATIONAL SRL
Direttore Marketing
Tempo Indeterminato · POMPEI
NUOVA TESI
Coordinatrice di Campionario Maglieria Donna
Tempo Indeterminato · REGGIOLO

Puma ha registrato una crescita del 22% in Europa

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 24 ott 2017
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'inversione di tendenza è impressionante. Al termine dell’esercizio 2013, Puma vedeva crollare il giro d’affari al di sotto della soglia dei 3 miliardi di euro, con dei cali sconvolgenti nelle vendite di calzature abbinati a significative perdite. Circa quattro anni più tardi, dopo soli nove mesi d’attività, il gruppo tedesco ha svoltato, raggiungendo già 3 miliardi di euro di fatturato e vedendo crescere l’utile netto, raddoppiato rispetto all’anno passato, fino a 133,6 milioni di euro.

Il modello "Ignite" indossato da The Weeknd: la combinazione di famosi testimonial giovani e scarpe di punta sta portando frutti a livello di vendite - Puma


Il marchio di sport e lifestyle del gruppo Kering sta attualmente sperimentando una crescita impressionante. Ha anche rivisto verso l'alto, la scorsa settimana, le sue previsioni annue per l’esercizio 2017. Nel terzo trimestre, chiuso a fine settembre, Puma mostra belle prestazioni. Rispetto allo scorso anno, le sue vendite sono cresciute del 13,3% (17,4% a cambi costanti) per raggiungere gli 1,13 miliardi di euro. Il margine lordo è migliorato, passando dal 45,8% al 48,1% e il risultato operativo, nonostante aumenti negli investimenti dell’11,4% per supportare le iniziative di marketing, commerciali e retail, è cresciuto da 60,3 a 101,2 milioni di euro.
 
Una crescita globale? Sì. Escludendo gli effetti di cambio, le tre regioni chiave del gruppo stanno crescendo a doppia cifra. Ma nei conti Puma beneficia soprattutto della bella dinamica europea. Sul Vecchio Continente, il Felino registra un incremento delle vendite del 22% (22,7% a cambi costanti), a 498 milioni di euro. La zona America cresce del 9,8% (15,6% a cambi costanti), a quasi 377 milioni, e la zona Asia-Pacifico del 3,4% (10,2% a cambi costanti).

Il modello "Heart", uno dei successi della stagione per Puma - Puma


Quattro anni fa, quando il marchio era a terra, le vendite di scarpe griffate Puma incassavano cali del 20%. Oggi questa categoria di prodotti pesa per quasi la metà delle vendite e mostra una crescita del 18,9% (+23,2% a cambi costanti), a 545 milioni di euro, soprattutto grazie ai modelli “Platform”, “Suede”, “Basket Heart”, “Fierce” e “Ignite Limitless”. L’abbigliamento è cresciuto del 3,8% (+7,8% a cambi costanti), mentre gli accessori stanno sperimentando la crescita maggiore, con vendite migliorate del 19,9% (23,9% a cambi costanti), a quasi 185 milioni di euro.

Un bilancio positivo che Björn Gulden, il CEO di Puma, arricchisce proiettandosi alla fine dell'anno: “Grazie a un margine lordo migliore del previsto e alla nostra rigorosa disciplina in materia di costi, siamo riusciti a generare un risultato operativo molto positivo e superiore alle attese. Questa evoluzione nel terzo trimestre, coniugata con il solido portafoglio ordini per il quarto trimestre, ci ha permesso di rivedere verso l’alto le nostre previsioni annuali. Ora puntiamo su una crescita del volume d’affari – a cambi comparabili – compresa tra il 14% e il 16%, e un risultato operativo (EBIT) collocato fra i 235 e i 245 milioni di euro”.

Selena Gomez è la nuova testimonial globale di Puma. La cantante e attrice d'origine messicana collaborerà all'ideazione di una linea di prodotti - Puma


Il gruppo tedesco raccoglie i vantaggi della sua strategia di lanciare linee con stelle della scena musicale internazionale come Rihanna, The Weeknd (la cui prossima collezione sarà disponibile dal 26 ottobre) e prossimamente Selena Gomez, pur continuando le collaborazioni con stilisti di ricerca come Han Kjobenhavn e presto Gunner Stahl.
 
Anche l’espansione della rete di negozi appare come uno degli assi principali di sviluppo del produttore tedesco di articoli per lo sport, il quale indica che le proprie vendite al dettaglio sono infatti cresciute del 22%, a 673 milioni di euro nei 9 mesi, soprattutto grazie all’apertura di nuovi negozi in Asia. La percentuale del retail è ora del 21,7%, contro il 20,6% di un anno prima. Un passo avanti per Puma sul campo della vendita diretta, ma il felino rimane ancora staccato dal suo grande vicino fondato dall’altro fratello Dassler, il cui fatturato dovrebbe superare il limite dei 20 miliardi di euro quest’anno. Adidas mostra infatti una percentuale di vendite retail che supera il 25% e ha annunciato di puntare al 60% nel 2020 con investimenti nei negozi fisici e nell'e-commerce.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.