×
1 502
Fashion Jobs
CONFIDENTIAL
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
Pubblicato il
26 apr 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puma: calo in Europa ed erosione dei margini

Pubblicato il
26 apr 2012

Il produttore tedesco di articoli sportivi Puma, controllato dal gruppo francese PPR, ha pubblicato mercoledì risultati del primo trimestre in calo, i quali riflettono la difficile situazione del mercato europeo e l'aumento di costo delle materie prime.

Puma
Puma punta di nuovo su Usain Bolt e i Giochi Olimpici per far crescere la sua attività sulla totalità dell'esercizio.

Puma, nell'esercizio chiuso a fine marzo ha certamente visto aumentare il suo fatturato, di più del 6%, a 821 milioni di euro, rispetto allo stesso periodo dell'anno prima, ma il suo utile operativo e l'utile netto sono calati rispettivamente dell'8% (a 102 milioni di euro) e del 5% (a 74 milioni di euro).

Il fatturato di 368 milioni di euro messo a segno nella regione Europa/Africa/Medio Oriente ha significato una diminuzione del 2% rispetto al primo trimestre 2011, fatto che "rispecchia le attuali sfide che deve affrontare l'Europa", ha commentato in un comunicato il boss di Puma, Franz Koch. 

Il gruppo, che spiega la flessione con le difficoltà economiche nell'area e con le condizioni climatiche poco propizie alle vendite di capi invernali, sta cercando di ottimizzare il proprio modello produttivo e di centralizzare alcune funzioni di supporto della zona. Le altre regioni hanno più che compensato il calo. Le vendite nella zona Asia-Pacifico progrediscono di più del 10%, a 192 milioni di euro, trascinate dai mercati sudcoreano, indiano e giapponese. E le Americhe hanno ottenuto un +8,5%, a quasi 261 milioni di euro, con crescite a due cifre in America Latina. Il Nordamerica poi, beneficia della dinamica avviata con la creazione delle joint-venture Janed per l'intimo e soprattutto Wheat Accessories per lo sviluppo delle sue linee di accessori.

A livello mondiale, sono in particolare gli accessori (+19%), condotti da Cobra Puma Golf, e l'abbigliamento (+8%), soprattutto il running, il lifestyle e il golf, a trainare la crescita. Le calzature per contro, pur valendo ancora 415 milioni di euro, sono in ribasso del 2,1%. Per quanto concerne la redditività, i margini hanno sofferto dell'incremento dei costi delle materie prime, soprattutto quello del prezzo del cotone.

Puma si definisce comunque fiduciosa per il resto dell'annata, e mantiene il suo obiettivo di una crescita compresa fra il 5% e il 10% del fatturato, e attorno al 5% dell'utile netto. Il gruppo punta fra l'altro sugli eventi sportivi di quest'anno, l'Europeo 2012 di calcio - Puma è sponsor ufficiale dell'Italia – e soprattutto i Giochi Olimpici di Londra. Il marchio Puma veste fra gli altri lo sprinter giamaicano Usain Bolt. 


Olivier Guyot con l'AFP (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.