×
1 616
Fashion Jobs
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
20 apr 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Procter & Gamble: l’utile trimestrale batte di poco il consensus

Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
20 apr 2018

L’utile trimestrale di Procter & Gamble ha di poco superato il consensus. Giovedì il leader mondiale dei prodotti di largo consumo ha spiegato che l’esaurimento delle scorte e l’aumento dei costi dei trasporti e delle materie prime hanno contribuito a ridurre i margini.

Procter & Gamble


Il titolo scendeva del 3,17%, a 75,03 dollari a Wall Street verso le 17:45 italiane, il calo maggiore dell’indice Dow Jones, dopo aver toccato in precedenza il suo livello più basso dal novembre 2015 di 74,22 dollari.
 
I risultati di P&G nel terzo trimestre del suo esercizio scalato uniti a previsioni incerte per il resto dell'anno hanno vanificato l'effetto positivo dell'annuncio dato, poche ore prima, dell'acquisizione della divisione Consumer Healthcare del marchio farmaceutico tedesco Merck KgaA per 3,4 miliardi di euro.

Il proprietario, fra gli altri, dei pannolini Pampers, dei rasoi Gillette e della crema balsamica Vicks, anticipa che avrà una crescita organica annuale collocata nella parte bassa di un range compreso tra il 2% e il 3%. Complessivamente, P&G prevede una crescita delle vendite del 3%, comprese cessioni e acquisizioni.
 
Oltre al rincaro dei prezzi delle materie prime e dei costi di trasporto, i gruppi di prodotti di largo consumo patiscono la concorrenza dei marchi proprietari di grandi distributori, come Walmart o Target, ha indicato il direttore finanziario Jon Moeller.
 
Il margine lordo pubblicato è diminuito di un punto nel terzo trimestre chiuso il 31 marzo, mentre l’utile netto di pertinenza del gruppo e tornato a scendere a 2,51 miliardi di dollari (2,03 miliardi di euro), pari a 0,95 dollari per azione, contro i 2,52 miliardi (0,93 dollari per azione) di un anno fa.
 
“Le aspettative si abbassavano man mano che il trimestre si avvicinava, ma la crescita organica è stata indubbiamente ancora inferiore alle attese degli investitori”, osserva Bonnie Herzog, analista di Wells Fargo. La capacità di fissare i prezzi è diventata una preoccupazione ancora più importante e la crescita organica dovrà accelerare nel quarto trimestre, anche per raggiungere un obiettivo annuale rivisto al ribasso, aggiunge la Herzog.
 
Escludendo elementi eccezionali, l'utile per azione è di un dollaro, e così supera di due centesimi il consensus di Thomson Reuters I/B/E/S.
 
Il fatturato è aumentato del 4,3%, a 16,28 miliardi di dollari, trainato dalla richiesta di prodotti per la cura del corpo, mentre gli analisti stimavano in media 16,21 miliardi di dollari, secondo il consensus Thomson Reuters I/B/E/S.
 
P&G si aspetta ora un utile per azione annuo compreso tra i sei e gli otto dollari, contro la precedente forchetta che andava da cinque a otto dollari.

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.