×
1 467
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

Prada chiamato ad aiutare i dipendenti dei suoi fornitori

Pubblicato il
today 12 mar 2009
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-



Il negozio londinese di Prada situato in Bond Street nel fine settimana del 7 e 8 marzo è stato preso di mira da dimostranti del collettivo Clean Clothes Campaign che incitano la marca ad interessarsi della sorte dei dipendenti dei suoi fornitori turchi.

La rete internazionale dei sindacati e l’ONG "Clean Clothes Campaign" (CCC) da lunga data premono affinché le marche si interessino delle condizioni di lavoro, a volte dubbie, messe in atto dai loro fornitori.

Le manifestazioni dell'8 marzo scorso fanno seguito ai licenziamenti di dipendenti di una fabbrica turca, Desa, che produce per Prada.

I suoi dipendenti avevano raggiunto il sindacato dei lavoratori turchi del tessile Deri Is per protestare contro gli orari intollerabili, i salari inadeguati e le condizioni di lavoro insopportabili.

La fabbrica da allora sembra aver lanciato una vera caccia alle streghe tentando di intimidire il sindacato stesso. Clean Clothes Campaign tenta dunque di sensibilizzare l'opinione e i clienti della fabbrica alla sorte dei settecento dipendenti di quest'ultima.

“Molti acquirenti, tra i quali Prada, non sono riusciti a prendersi le loro responsabilità di fronte ai lavoratori che fabbricano i loro prodotti", spiega l'associazione, che conta oggi nelle sue file una vecchia lavoratrice dipendente della fabbrica. E aggiunge: “La signora Arslan, (…) incontrerà prossimamente responsabili governativi, sindacati e ONGS in Italia, Francia e Spagna.

Fonte: M. Guinebault

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.