×
1 020
Fashion Jobs
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
Pubblicità
Pubblicato il
12 mar 2009
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Prada chiamato ad aiutare i dipendenti dei suoi fornitori

Pubblicato il
12 mar 2009



Il negozio londinese di Prada situato in Bond Street nel fine settimana del 7 e 8 marzo è stato preso di mira da dimostranti del collettivo Clean Clothes Campaign che incitano la marca ad interessarsi della sorte dei dipendenti dei suoi fornitori turchi.

La rete internazionale dei sindacati e l’ONG "Clean Clothes Campaign" (CCC) da lunga data premono affinché le marche si interessino delle condizioni di lavoro, a volte dubbie, messe in atto dai loro fornitori.

Le manifestazioni dell'8 marzo scorso fanno seguito ai licenziamenti di dipendenti di una fabbrica turca, Desa, che produce per Prada.

I suoi dipendenti avevano raggiunto il sindacato dei lavoratori turchi del tessile Deri Is per protestare contro gli orari intollerabili, i salari inadeguati e le condizioni di lavoro insopportabili.

La fabbrica da allora sembra aver lanciato una vera caccia alle streghe tentando di intimidire il sindacato stesso. Clean Clothes Campaign tenta dunque di sensibilizzare l'opinione e i clienti della fabbrica alla sorte dei settecento dipendenti di quest'ultima.

“Molti acquirenti, tra i quali Prada, non sono riusciti a prendersi le loro responsabilità di fronte ai lavoratori che fabbricano i loro prodotti", spiega l'associazione, che conta oggi nelle sue file una vecchia lavoratrice dipendente della fabbrica. E aggiunge: “La signora Arslan, (…) incontrerà prossimamente responsabili governativi, sindacati e ONGS in Italia, Francia e Spagna.

Fonte: M. Guinebault

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.