×
1 163
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
7 giu 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PPR prepara una grossa acquisizione nel lusso. Potrebbe essere Prada?

Pubblicato il
7 giu 2011

PPR, Prada
François-Henri Pinault
Il gruppo PPR, diretto dal magnate François-Henri Pinault, sta da tempo (e dichiaratamente) preparando una grossa acquisizione nel settore del lusso, scrive il quotidiano “La Tribune” nella sua edizione di martedì 7 giugno, citando la nostra Prada come preda potenziale fra le più papabili.

Secondo una "fonte interna" citata dal quotidiano, il gruppo "starebbe negoziando per realizzare un'acquisizione di primaria importanza". Parecchi sono i "bersagli" che si troverebbero nel mirino del colosso, fra i quali Hugo Boss, Burberry, Ralph Lauren e Armani, sempre secondo “La Tribune”. "Ma un obiettivo si staglia su tutti: Prada!", aggiunge la testata.

Interpellato dall'agenzia di stampa francese AFP, un portavoce di PPR non ha voluto commentare questa anticipazione riportata da “La Tribune”.

Prada, fondata nel 1913, si appresta a fare il suo ingresso in Borsa ad Hong Kong. Il 20% del capitale vi sarà quotato, secondo il giornale francese, il quale aggiunge che PPR potrebbe acquistare una parte del rimanente 80% che resterà tra le mani della famiglia. Al riguardo, si stanno intensificando le indiscrezioni sul possibile valore dell'Ipo di del brand milanese in quel di Hong Kong. Secondo una fonte vicina al dossier, citata da Bloomberg, Prada dovrebbe fissare una forchetta di prezzo compresa tra 3,2 e 4,2 euro.

La testata riporta anche che per poter realizzare questa acquisizione, PPR deve "cedere alcuni gioielli di famiglia". Nel maggio scorso, Pinault aveva dichiarato infatti, davanti agli azionisti del suo gruppo riuniti nell'Assemblea Generale annuale, che si sarebbe "preso il tempo necessario" per procedere a delle acquisizioni e a delle cessioni.

Pinault intende uscire dal settore della distribuzione (vedi le cessioni di Conforama e Fnac), e reimpostare il gruppo sull'abbigliamento e gli accessori, come pure sul lusso e sullo sport-lifestyle. "Sapremo naturalmente cogliere le opportunità giuste per la nostra divisione lusso", aveva sostenuto in quell'occasione.

"Per definizione, i marchi di lusso non sono molto numerosi, la rarità fa parte di questo campo d'azione", aveva aggiunto il miliardario, importante collezionista d'arte e marito dell'attrice messicana Salma Hayek. Pinault tuttavia aveva menzionato l'esistenza di marchi più che altro “piuttosto modesti in termini di dimensioni", ma considerati "molto interessanti da osservare", generalmente posseduti da azionisti familiari. "Sicuramente è in funzione delle decisioni che queste famiglie prenderanno, in merito alla conservazione o alla cessione delle loro quote, che noi considereremo la possibilità di poterle comprare".

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Business