×
1 319
Fashion Jobs
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Head of Advertising And Digital Production
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Administration And Accounting Manager / Luxury Brand / Mendrisiotto
Tempo Indeterminato · COMO
Pubblicato il
18 nov 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PPR applicherà la "Dichiarazione dei risultati ambientali" a tutti i suoi marchi

Pubblicato il
18 nov 2011

Con PPR Home, il colosso francese PPR vuole affermare con forza il suo essere sensibile a problematiche ambientali. Il gruppo, nella persona di Jochen Zeitz, presidente esecutivo di Puma e responsabile dello sviluppo sostenibile del gruppo, ha presentato il 16 novembre a Parigi il primo resoconto dei risultati ambientali del marchio Puma.

PPR

Il costo dell'impatto sull'ambiente, che non influenza il reddito netto di Puma secondo il gruppo, è stato valutato "a 145 milioni di euro" nel 2010, in funzione di cinque criteri: emissioni di gas a effetto-serra, consumo d'acqua, utilizzo del suolo, inquinamento atmosferico e produzione di rifiuti. Jochen Zeitz ha precisato che il 6% di questa somma è diretta responsabilità di Puma e che, al contrario, l'impatto dell'attività dei subfornitori di classe 4, vale a dire dei produttori di materie prime, rappresenta il 57% della cifra totale.

Anche se si noterà che PPR ha preferito basarsi unicamente sui propri strumenti di misurazione, oltre che sulla convalida dello studio britannico Trucost e di PriceWaterhouseCoopers, per definire i criteri di questa dichiarazione, essa dovrebbe consentirgli di migliorare le sue prassi. “Abbiamo già dato il via a delle azioni di riduzione del consumo d'acqua nelle nostre strutture e con i nostri subfornitori, soprattutto in Vietnam”, spiega Jochen Zeitz. “L’obiettivo resta di far calare questo consumo del 25% entro il 2015".

In questa stessa data, tutto l'insieme dei marchi del gruppo avranno fissato il loro resoconto dei risultati ambientali. In effetti, PPR ha annunciato di voler rendere generale questo concept, con l'ambizione di "acquisire la leadership su questo modo nuovo di considerare la propria attività miscelando il suo aspetto economico con quello ambientale”.

Dopo un primo esame, gli impatti ambientali specifici di ciascun marchio saranno identificati e analizzati uno per uno, precisa un comunicato del gruppo presieduto da François-Henri Pinault.
Essi potranno includere, in funzione dei diversi brand, le emissioni di gas a effetto-serra, il consumo d'acqua, l'utilizzo dei suoli, l'inquinamento atmosferico e la produzione di rifiuti, sia che questi impatti provengano da attività operative che dalla catena di fornitura.

Tale valutazione è "una soluzione pionieristica, che ci porterà (...) una visibilità reale delle nostre attività, allo scopo di aiutarci a minimizzare il nostro impatto sull'ambiente e di consentirci di prendere delle decisioni operative" tenendo conto di questo fattore, ha commentato il PDG, citato in un comunicato.

Il gruppo aveva lanciato "l'iniziativa PPR Home" nel marzo scorso, al fine di mettere in campo delle nuove norme di sviluppo sostenibile nelle attività Lusso, e Sport & Lifestyle. Il 16 novembre, Jochen Zeitz ha anche precisato che potrebbe seguire a breve l'analisi dell'impatto sociale del gruppo.

Olivier Guyot con la AFP (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.