×
1 760
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
7 ott 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Placemeter, un nuovo strumento per le strategie retail

Pubblicato il
7 ott 2015

Misurare il numero di persone che passano davanti alle vetrine di un negozio, determinare l'attrattività di una zona commerciale o di una vetrina attraverso l'analisi dei flussi video, e soprattutto la percentuale di conversione passanti/ingressi per comprendere la performance di un punto vendita, ecco l'idea di Placemeter, nuovo servizio dedicato alle strategie di sviluppo retail.


Nel settembre del 2014, la start-up, che ha sede a New York, è riuscita ad ottenere fondi per 6 milioni di dollari (NEA, New Enterprise Associates e Qualcomm Ventures ne sono tra i principali investitori) per implementare Placemeter.

Alla base del servizio ci sono due francesi. Il primo, Alexandre Winter, ingegnere di Telecom Paris, esperto in riconoscimento delle immagini, ex ricercatore dell’INRIA e primo a mettere a punto Placemeter alla fine del 2012. Il secondo è il suo socio Florent Peyre, che viene da studi in Scienze Politiche, collaboratore di Hachette-Philipachi a New York, dove si occupava dello sviluppo digitale del marchio su dispositivi mobili, prima di approdare in Guilt City, sito simile a Groupon, e in CasaHop, sito di scambi di case.

La loro idea: fornire ai negozi che hanno vetrine sulla strada, a centri commerciali, a gruppi immobiliari (e ai comuni), dati precisi sulla frequentazione e l'occupazione di luoghi in tempo reale attraverso l'analisi del passaggio dei clienti a un tale indirizzo, dei percorsi che compiono all'interno di un negozio o del tempo medio passato davanti a una determinata parte della vetrina… insomma, quante più informazioni possano essere in grado di ottimizzare le strategie commerciali e di sviluppo retail.

Concretamente, Placemeter propone di utilizzare i flussi di video in streaming già utilizzati (telecamere di sicurezza delle città, telecamere di misurazione del traffico...) i cui accessi sono oggi sempre più trasparenti e accessibili al grande pubblico, importandoli sulle piattaforme Placemeter, e aggiungere dei nuovi flussi di entrata/uscita tramite la posa di sensori applicati sulle vetrine dei negozi che richiedono il servizio, fornendo così ai propri clienti dei nuovi dati.

Parlando di libertà individuali, la società si difende, affermando di essere pienamente trasparente, di non utilizzare cioè alcun sistema di registrazione video né di riconoscimento del volto, e di essere capace, attraverso il suo sistema di sensori, di seguire e monitorare un consumatore in maniera anonima non solamente davanti alla vetrina, ma anche all'interno dello store, con i prossimi sviluppi che saranno basati sull'analisi precisa dei profili dei consumatori: differenziazioni bambino/adulto, clienti dotati di passeggino o no, e così via… Il sistema è anche molto adatto per comprendere in anticipo da parte del commerciante se conviene affittare delle vetrine in un certo punto della città ed è molto comodo soprattutto per localizzare correttamente dei pop-up store, visto che per definizione sono negozi temporanei, e quindi hanno meno tempo per avere successo.

Dopo una lunga fase di sviluppo tecnologico, l’offerta di Placemeter, commercializzata da febbraio, registra per il momento una cinquantina di clienti, localizzati principalmente negli Stati Uniti, tra i quali G-Star Raw e APC per la parte fashion, Starbucks, Dylan’s Candy Bar, la catena di dolciumi di Dylan Lauren (figlia di Ralph Lauren), Kusmi Tea, e anche alcuni gruppi e agenti immobiliari, i comuni di New York e Boston e associazioni di quartiere...

Sono proposte due formule, una a 99 dollari al mese (per un abbonamento di 12 mesi), l’altra a 149 dollari (senza abbonamento) per implementare un punto di misura, con oneri aggiuntivi che vengono aggiunti per implementare ogni nuovo punto di misura desiderato.

Alexis Chenu (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.