×
1 296
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA RETAIL
Marketing Director
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Quality Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Pubblicato il
16 gen 2017
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti Uomo 91: buyer italiani in lieve calo, ma toni positivi

Pubblicato il
16 gen 2017

La 91esima edizione di Pitti Uomo si è chiusa con una leggera flessione dei buyer italiani (15.500 presenze, -3,5% rispetto a gennaio 2016), mentre si è mantenuta sostanzialmente stabile l’affluenza dei compratori provenienti da oltre cento Paesi esteri, circa 8.800.

pittimmagine.com

 
Complessivamente, i visitatori sono stati 36.000, arrivati a Firenze in particolare da Germania, Giappone, UK, Francia, Spagna, Olanda, Cina e Stati Uniti, Paesi che si piazzano ancora una volta ai primi posti della classifica delle presenze.
 
L’edizione appena conclusa ha visto un recupero della Russia, che ha fatto da contraltare a un robusto calo degli arrivi dalla Turchia. I principali mercati dell’Europa dell’Est e del Nord (soprattutto Svezia e Danimarca) si sono confermati in costante aumento, mentre si sono registrate defezioni da Paesi come Irlanda, India, Messico ed Emirati Arabi. Buona la presenza di nuove destinazioni come Canada, Israele e Sudafrica; stabile nel complesso l’area del Sud-Est asiatico, con paesi strategici come Corea del Sud, Hong Kong, Taiwan e Singapore.

“La cosa più importante per noi è il giudizio positivo che emerge dalla grande maggioranza degli espositori e dei migliori negozi e punti vendita internazionali sull’organizzazione, sulla qualità e la varietà stilistica delle collezioni, il livello del confronto tra domanda e offerta, gli eventi speciali”, ha dichiarato Raffaello Napoleone, Amministratore Delegato di Pitti Immagine.

pittimagine.com


Globalmente molto soddisfatti gli espositori incontrati da FashionNetwork nei quattro giorni della kermesse milanese.

“I primi due giorni abbiamo registrato una grande affluenza, gli ultimi due un po' meno, ma in generale abbiamo riscontrato una grande attenzione per il nostro prodotto e un ottimo riscontro sui social, quindi siamo soddisfatti”, ha dichiarato a FashionNetwork.com Domenico Lavanga, Area Manager di Furla. “Abbiamo ricevuto più visite dai buyer esteri che dagli italiani, provenienti in particolare da Giappone, Corea e Cina. Una novità per noi sono stati compratori australiani e neozelandesi, mentre sono stati un gradito ritorno alcuni buyer dall’India e dalla Russia”.
 
“Abbiamo rilevato soprattutto presenze internazionali e ne siamo molto soddisfatti perché l'estero è l’area che vogliamo sviluppare maggiormente, essendo già ben posizionati in Italia”, ha commentato Sandro Sbolci, Sales Manager Area Mediterranea di Grotto S.p.A., azienda a cui fa capo il marchio Gas. “Tra i Paesi più presenti al nostro stand quelli di Nord Europa e Far East, ma anche Spagna e Svizzera. Abbiamo avuto anche molti contatti nuovi, aspetto ovviamente molto importante in fiera”.
 
 “Per noi quest’edizione di Pitti Uomo è andata benissimo: sono arrivati buyer da molti Paesi europei, dall’Australia e anche dall’America, che non trovano in USA la stessa collezione Stetson presente in Europa. Abbiamo avuto contatti con diversi nuovi clienti, in particolare dall’Italia e dalla Russia”, ci ha spiegato Robert Greig, Sales Agent Italy dello storico marchio americano di cappelli Stetson.
 
Positivo anche il riscontro avuto dai selezionati espositori della sezione Hi Beauty: “Siamo soddisfatti della nostra prima partecipazione a Pitti Uomo, che ci ha consentito di approcciare un pubblico diverso rispetto a quello più tecnico di Pitti Fragranze. Ci auguriamo che Hi Beauty continui nelle prossime edizioni con lo stesso carattere di selezione ed esclusività”, ha commentato Maurizio Bonas di Maison Bereto. “Il pubblico di Pitti Uomo è il negozio di moda che vuole, spesso, diventare concept store. Il nostro prodotto è ideale per questo, i negozianti capiscono come possono distribuirlo e presentarlo. Abbiamo registrato molto interesse dalla Germania, dai Paesi Scandinavi, in generale dal Nord Europa, anche Svezia e Norvegia. Abbiamo avuto complessivamente circa una cinquantina di nuovi contatti”, ha concluso il manager.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.