×
1 633
Fashion Jobs
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
13 gen 2016
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti Uomo 89: Roy Roger's presenta una capsule con Scott Schuman ("The Sartorialist")

Pubblicato il
13 gen 2016

Un’autentica passione per il denim, oltre che la condivisione di un punto di vista comune sulla moda, ha portato Scott Schuman, fotografo street style riconosciuto internazionalmente anche come "The Sartorialist" (dal nome del suo iconico blog), e il brand italiano Roy Roger’s, a creare un progetto speciale di collaborazione per le prossime due stagioni. La prima è una capsule collection per l'autunno-inverno 2016-17 che  consiste in una serie di capi che abbinati insieme creano un total look unico, ma che possono anche essere indossati singolarmente.

Roy Roger's e "The Sartorialist", AI 2016/17


"Mi ha sempre affascinato la visione pioneristica di Scott Schuman sul concetto di moda che sottolinea il valore dell’interpretazione personale. "The Sartorialist" rappresenta, infatti, un osservatorio permanente su i cambiamenti che avvengono nel mondo", rivela a FashionMag Guido Biondi, direttore creativo del marchio di Firenze. "Il progetto è nato perché Scott ama molto i nostri modelli della label President, e quindi gli ho chiesto se volesse fare qualcosa per Roy Roger's".

La collaborazione parte con l’AI 2016-17 e proseguirà con la PE 2017; i capi in collezione per l’AI sono 18 (6 pezzi di maglieria, 6 pantaloni, il resto è camiceria e giubbotteria) e ci sarà un’evoluzione e un ampliamento del numero di capi con la collezione estiva. "Si tratta di articoli solo per uomo con una fascia prezzo molto abbordabile. Si va dai 200 euro per i jeans, al giubbotto in camoscio che sarà venduto sotto i 1.000 euro, la camiceria sui 180 euro e la maglieria sui 200 euro. Questo progetto farà aumentare la nostra brand awareness a livello internazionale", dice Biondi.

L'ispirazione della linea sono gli anni '70: i jeans hanno vita più alta e gamba che si ammorbidisce sul finale, aprendosi, mentre il capo spalla e il maglione si accorciano. Il parka, iconico di quel periodo, è l’unica eccezione oversize.

Da sinistra: Guido Biondi e Scott Schuman al lavoro


La ricerca di materiali d’eccellenza è stato cardine durante lo sviluppo di tutta la collezione: il camoscio testa di moro viene prodotto da una delle più importanti concerie di Santa Croce, mentre i tessuti da camiceria in filato egiziano vengono dal cotonificio Albini. Completa la selezione la maglieria in 100% lana pettinata realizzata con filati italiani e denim giapponese e italiano. Tutti i capi sono impreziositi da etichette interne in 100% cotone realizzate (esclusivamente per la collaborazione) con vecchi telai a navetta.

"Credo che ci siano molti ragazzi là fuori che, come me, vogliono apparire alla moda, senza però risultare fashion victim, e quindi durante la ricerca e la progettazione, la nostra volontà è stata quella di creare qualcosa che avesse una direzione precisa. Nessuno ha bisogno di un semplice paio di jeans con il mio nome sulla salpa. Dal momento in cui sto per presentare una collezione di denim di primo livello, voglio infatti offrire qualcosa di inedito, attraente e soprattutto differente da quella che è la proposta della concorrenza. Apprezzo Roy Roger’s per avermi dato la possibilità di sottopormi a questa sfida", ha aggiunto Scott Schuman.

Il fatturato consolidato 2015 di Roy Roger's si è attestato sui 19 milioni di euro, ma includendo il retail arriva a 21 milioni di euro, in linea con il 2014, il 90% realizzato in Italia.

Roy Roger's e "The Sartorialist", AI 2016/17


"A livello retail abbiamo aperto uno shop-in-shop ad Osaka che ha performato molto bene. A febbraio avremo uno spazio più grande dentro Hankiu e apriremo lo stesso spazio nel loro department store di Tokyo. Il retail va nella direzione delle aperture estere, dove abbiamo il potenziale più alto. Oltre a questo, stiamo sviluppando i mercati di Germania, Corea e Francia", conclude Guido Biondi.

Elena Passeri e Gianluca Bolelli

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.