×
1 629
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Di
APCOM
Pubblicato il
19 giu 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti, Marzotto: "Crolla il consumo interno, difendere il Made in Italy"

Di
APCOM
Pubblicato il
19 giu 2013

L'aumento dell'export del 3,8%, a fronte di un crollo del 5,7% dei consumi interni: è questo il quadro del mercato della moda e del lusso dentro il quale si è aperta l'edizione 84 di Pitti Uomo.

Il presidente di Pitti Immagine Gaetano Marzotto - Foto: Apcom


Quest'anno, gli spazi della Fortezza da Basso di Firenze ospitano anche l'edizione numero 12 di Pitti W, dedicato alla donna. 1.043 i marchi maschili e 64 quelli femminili che espongono per i 30mila appassionati di moda attesi e i 20mila buyer.

A tenere banco all'inaugurazione è lo scenario macroeconomico: il costo del lavoro è troppo alto, dicono in molti, e difendere l'originalità del Made in Italy è un impegno sempre più difficile.

"Qui abbiamo più di 1.100 marchi rappresentati di cui una buona parte italiani, che fanno l'eleganza accessibile, che hanno ancora l'artigianalità. Perché i grandi gruppi mondiali vengono qui a produrre in Italia? Perché noi siamo bravi, innovativi, creativi e in un buon rapporto prezzo qualità". Lo ha detto Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine, all'inaugurazione dell'edizione 2013 di Pitti Uomo e Pitti W. "Ma -ha aggiunto- dobbiamo stare attenti al crollo dei consumi interni".

"I nuovi consumatori, solo in Cina, sono 400 milioni, che non aspettano altro di vedere l'eleganza accessibile del Made in Italy. Però gliela dobbiamo portare". Ha continuato il presidente di Pitti Immagine.

"La distribuzione nei nuovi Paesi emergenti è completamente diversa da quelli nei quali siamo abituati noi -ha precisato Marzotto- ci sono degli enormi shopping mall, dove non c'è un compratore, ma ci sono dei land lords che danno delle concessioni, ossia affittano degli spazi. Quindi -ha concluso Marzotto- uno dei grandi compiti di Pitti Immagine è di fare da ponte per le piccole e medie aziende".

Sulla stessa lunghezza d'onda Stefano Ricci, quest'anno non solo in veste di stilista, ma anche di presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana. Anche nelle parole di Matteo Renzi, c'è molta preoccupazione per il crollo dei consumi interni, tanto da far dire al sindaco di Firenze che siamo alla fine del ceto medio in Italia.

Fonte: APCOM