×
1 327
Fashion Jobs
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
17 mar 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pimkie delocalizza la logistica in Germania chiudendo il sito di Cornaredo. 70 i licenziati

Pubblicato il
17 mar 2014

Secondo il quotidiano milanese "Il Giorno", purtroppo i costi di gestione del magazzino di Cornaredo (MI) sono ritenuti insostenibili da Pimkie, per cui il gruppo francese dell’abbigliamento della famiglia Muillez, che gestisce più di 80 negozi in tutta Italia, ne ha confermato la chiusura.

www.pimkie.it


La piattaforma logistica di Italia Modisti, controllata di proprietà della catena d'abbigliamento transalpina, è ormai decisa a chiudere le porte del sito cornaredese. Tra le cause della situazione c'è sicuramente la a contrazione dei volumi di vendita del mercato italiano, con costi di gestione divenuti progressivamente troppo alti.

Queste difficoltà avevano già spinto lo scorso 29 gennaio il gruppo transalpino ad aprire la procedura di mobilità, comunicando la scelta strategica di delocalizzare queste attività nella piattaforma di Willstatt, in Germania, offrendo così ampie garanzie ai titolari dei propri negozi sulla velocità di gestione degli ordini.

Diversa invece la situazione dei dipendenti che a Cornaredo si occupano dello smistamento dei capi verso gli scaffali di tutta Italia, dato che Pimkie, nonostante gli interventi di Provincia di Milano, Commissione Attività Produttive della Regione Lombardia e dei sindacati (con diverse manifestazioni di protesta organizzate davanti alle vetrine dei negozi milanesi di Pimkie, in Via Torino e Corso Buenos Aires nelle scorse settimane), ha ormai confermato la scelta di delocalizzare l’intero comparto logistico in Germania, e quindi di licenziare 70 dipendenti della sede cornaredese, fra i quali spiccano 58 donne over 40, che per l'età non più giovanissima e la crisi del mercato del lavoro molto difficilmente potranno tornare in gioco.

Il fatto è che il sito tedesco è di proprietà di Pimkie, a differenza del magazzino di Cornaredo, il cui modello secondo l'azienda "non è più sostenibile per gli alti costi di gestione e di affitto", riporta il quotidiano milanese. “Nonostante le proteste di lavoratori e sindacati, l’azienda non ha cambiato idea e senza progetti di ricollocazione il 15 aprile 70 dipendenti saranno in mezzo alla strada”, si legge ancora su "Il Giorno".

Chiusa la logistica, nel sito lombardo rimarrebbero solo gli uffici amministrativi, dove lavorano una quarantina di persone, ma secondo i sindacati non ci sarebbero garanzie neanche su una loro stabile permanenza, indica il quotidiano.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.