×
1 399
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
9 mar 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PFW: Céline algida e decostruita

Di
Ansa
Pubblicato il
9 mar 2015

Contemporaneità decostruita e glamour sussurrato da Celine, moda difficile e assai rischiosa. La passerella del marchio francese (del gruppo LVMH) si snoda nell'enorme spazio coperto del Tennis Club di Parigi eppure, con sadico snobismo, sono stati organizzati pochi posti a sedere lungo un serpentone in mattonelle bianche e rosse, con l'aggiunta di qualche sgabello di cemento dipinto. Insomma una messinscena che serve ad appagare più il senso artistico che il comfort degli invitati.

PFW: Céline, collezione autunno-inverno 2015/16 Foto: Ansa


Del resto Phoebe Philo, direttore creativo della maison, è una inglesina quarantenne che poco concede e per niente si concede. Aspetto algido come la sua moda, la stilista ha fatto una collezione che tratta la femminilità freddamente, come se dovesse sezionarla sul tavolo anatomico senza sentimenti ed emozioni.

Prendiamo le prime uscite, in fondo i pezzi più belli: pizzo nero maltrattato, slabbrato, ma rilavorato applicandovi fiori di lana bianca. Detto così, sembra un materiale pronto per essere molto romantico, ma non lo è. Che sia una lunga gonna portata con il golf a coste inglesi ed enormi polsini di seta, che sia un completo con la cintura a bustino sbottonata o che diventi un abito con l'orlo di piume bianche oppure una redingote orlata di visone, resta sempre al di qua delle emozioni. Phoebe Philo, e questo è un merito, riesce a fare tutto in modo non lezioso: anche gli abiti sottoveste diventano severi, sui seni hanno due rombi di colori diversi, stanno addosso come grembiuli ed ecco che ci si dimentica della nudità.

C'è molta maglia sulla scena, portata anche con borse di pelle che sembrano fondine, mezzi corpetti, protesi protettive. Oppure hanno incongrui rigonfiamenti applicati sui seni, quasi dei reggiseni da bambina, tricottati come il vestito.

Céline - Fall-Winter2015 - Womenswear - Paris - © PixelFormula


I trench ampi sono stretti da una coulisse in vita, a tracolla c'è un unico modello di borsa, una enorme sacca da shopping in vari colori ma di dimensioni tali che per non farla strusciare a terra bisogna essere altissime. Glamour decostruito, pare sia questa la parola d'ordine della stilista e in effetti c'è tanta decostruzione, ma il glamour è più che altro per gli appassionati della materia.

La collezione naturalmente verrà soppesata, copiata, discussa, ma resta poco convincente: tagli di stoffa che diventano sottane asimmetriche, anche sovrapposte.

Oppure poncho senza regole su gonne irregolari. Una serie di camicie con vaga fantasia di animali, lunghe sciarpe sottili con batuffoli enormi di pelo. Scarpe grosse da ginnastica o di pelle intrecciata, l'alternativa è tra l'infermiera e la governante.

Poi le tute da benzinaio, ma di cashmere chiaro, elegantissime, diritte, scostate, scollate a V su sottostante dolcevita, e tanto punitive. Si può continuare con la parte imbottita, dei semplici piumoni da letto allacciati come mantelle oppure gonne matelassé indossate sotto cappotti-piumini che si sbottonano sugli omeri per dare aria alle braccia. Tanti punti alla fine di una delle passerelle più attese di Parigi.

 

Copyright © 2023 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altro
Sfilate