×
1 802
Fashion Jobs
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Pubblicato il
29 set 2016
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nike: risultati trimestrali superiori alle attese, ma ordini fiacchi

Pubblicato il
29 set 2016

Nel primo trimestre 2017, concluso il 31 agosto, Nike ha registrato un aumento del 7,7% delle vendite, arrivate a 9,06 miliardi di dollari, e un reddito netto di 1,25 miliardi (+6%); la crescita degli ordini è stata però più debole rispetto alle previsioni.

Nike: crescono le vendite ma gli ordini sono deboli - Nike


Tali performance si traducono in un utile per azione, con riferimento all’America del Nord, di 73 cent, contro i 56 cent previsti in media dagli analisti.
 
Grazie ai buoni risultati in America del Nord, Cina ed Europa, Nike ha superato le proiezioni di vendita degli analisti (8,87 miliardi di dollari) nonostante i tassi di cambio sfavorevoli e lo stop alle vendite degli articoli da golf, annunciata dal brand agli inizi di agosto. Il primo trimestre, peraltro, è stato in concomitanza con le Olimpiadi di Rio, evento che potrebbe aver alterato le vendite.

D’altro canto, gli ordini di scarpe e abbigliamento in consegna da qui a gennaio sono stati inferiori alle previsioni, attestandosi a 12,3 miliardi di dollari (+7%), contro una stima da parte degli analisti del +8,3%, soprattutto grazie alle vendite del periodo natalizio.
 
Nike sta accusando la concorrenza di Under Armour e Adidas, che stanno conquistando quote di mercato negli Stati Uniti e in Cina. Il primo ha sfondato nelle calzature sportive grazie alla popolarità di Stephen Curry, nuovo volto dell’NBA, mentre Adidas da parte sua sta cavalcando l’onda del successo delle sue Stan Smith, che hanno rilanciato il brand nello sportswear.
 
Fonte AFP – Versione italiana di Laura Galbiati

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.