×
1 497
Fashion Jobs
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Sales Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Pubblicato il
26 mar 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nike fa ricorso a Bluesign Technologies per produrre più “verde”

Pubblicato il
26 mar 2013

Patagonia, The North Face, Helly Hansen, Haglöfs o Deuter hanno già fatto ricorso ai servizi e alle competenze di Bluesign Technologies. Ora è uno dei più grandi nomi dello sport ad annunciare il perfezionamento di un accordo di partnership strategica con la stessa BT.

Nike e Bluesign Technologies hanno siglato un accordo. Pubblicità Nike.


Il gruppo Nike utilizzerà così due strumenti innovativi, il bluesign bluefinder e il bluesign blueguide, in tutta la sua catena logistica e di fornitura. Il primo permetterà ai fornitori del gruppo di avere accesso a processi che utilizzano preparati atti ad ottenere vestiti più sostenibili per l'ambiente. La guida dovrebbe consentire a Nike di trovare, in una lista di più di 30.000 materiali, delle alternative meno inquinanti a quelle dei procedimenti che utilizza attualmente.

“Nike si è impegnata a partecipare a un grande cambiamento nel mondo dei materiali, con la volontà di eliminare delle sostanze pericolose e di innovare con nuove materie prime sostenibili”, spiega in un comunicato Hannah Jones, vicepresidente dell'attività di sostenibilità e delle innovazioni del gruppo. Per eseguire l'aggiornamento a una gamma di materiali completamente sostenibili, le diverse parti interessate devono lavorare insieme per sviluppare nuovi procedimenti chimici e per incoraggiare l'utilizzo di processi migliori eliminando quelli nocivi".

Fondata nel 2000, la società Bluesign Technologies, che appartiene per l'80% al gigante della revisione e del controllo SGS, è posizionata sul mercato come fornitrice di soluzioni che ottimizzino le esigenze di tecnologia e qualità dei prodotti con criteri di maggiore sostenibilità.

“Nike ha insistito per trovare insieme a noi una soluzione di evoluzione per una catena di fornitura grande come la loro. Puntando su bluesign, Nike ha in mano strumenti potenti per soddisfare e anche superare le aspettative dei suoi clienti”, aggiunge Peter Waeber, CEO di Bluesign. “Con l'introduzione di un elenco positivo di sostanze chimiche tessili per la sua base di fornitori, Nike può sostenere la sua catena di fornitura allo scopo di migliorare gli approvvigionamenti di prodotti chimici. Ottenendo così delle positive ricadute ambientali e di sicurezza per i consumatori”.

Nike sembra così voler mettere in atto le condizioni per rispettare gli impegni assunti nel 2011, seguiti soprattutto alle accuse rivoltegli nel rapporto 'Detox' di Greenpeace. All'epoca, il gruppo americano aveva annunciato che si sarebbe impegnato, entro il 2020, a non reinserire alcun prodotto tossico pericoloso in tutta la sua catena produttiva e nella totalità del ciclo di vita dei suoi prodotti.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.