×
1 266
Fashion Jobs
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Digital Store Planner
Tempo Indeterminato · REGGIO EMILIA
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
GRUPPO N
Responsabile Controllo Qualità
Tempo Indeterminato · SAVIANO
STELLA MCCARTNEY
Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Credit Specialist e Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
EASTPAK
Sales Representative (Eastpak - Jansport)
Tempo Indeterminato · MILANO
LA RINASCENTE SPA
Business Controller di Store
Tempo Indeterminato · MILANO
CARLA G.
Responsabile Pianificazione Della Produzione
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LA RINASCENTE SPA
Allievo/a Business Controller di Punto Vendita
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Addetto/a Tesoreria - Settore Fashion - Ozzano
Tempo Indeterminato · OZZANO DELL'EMILIA
IN STYLE GROUP
Wholesale Brand Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DOLCE&GABBANA SRL
Logistic Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Event Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Sales Manager Rtw Man
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Product Manager Borse e Accessori
Tempo Indeterminato · QUARTO INFERIORE
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Internal Audit Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Export Manager Abbigliamento Uomo/Donna
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Tecnico/a Industrializzazione Calzature
Tempo Indeterminato ·
CONFIDENZIALE
Retail Area Manager Lombardia e Piemonte
Tempo Indeterminato · MILANO
MANTERO SETA
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · GRANDATE
Pubblicato il
28 mag 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moncler continua a crescere nel 1° trimestre grazie al retail

Pubblicato il
28 mag 2013

Il 2013 si annuncia positivo per il gruppo Moncler, che cresce del 4,4% con un fatturato di 171,7 milioni di euro nel primo trimestre, secondo i dati pubblicati all’inizio di maggio da Eurazeo, la società d'investimenti francese entrata nel capitale dell’azienda nel giugno del 2011 con una quota del 45% e scesa in seguito al 32%.



Il gruppo di abbigliamento ha beneficiato soprattutto dei buoni risultati del suo noto marchio di piumini, che ha registrato nel primo trimestre 2013 un fatturato di 125,6 milioni di euro, con una crescita del 16,2% rispetto al medesimo periodo l’anno scorso, mentre il fatturato della sua divisione 'Sportswear', che raggruppa i marchi Henry Cotton’s, Marina Yachting, Coast+Weber+Ahaus e la licenza 18CRR81 Cerruti, è calato del 18,3%, a 46,1 milioni di euro.

Dal 1° maggio 2013, le attività del gruppo sonno state separate in due società distinte: da una parte Moncler, che si prepara ad entrare in Borsa, dall’altra Sportswear Industries, che dovrebbe essere ceduta.

Il marchio Moncler cresce nei primi tre mesi dell’anno, ma in misura minore rispetto al primo trimestre 2012, che si era chiuso con un balzo del 36% delle vendite. Questo rallentamento è dovuto “alla riduzione del numero di punti vendita multimarca, specialmente in Italia, e all’impatto negativo dell’evoluzione del cambio delle valute”, sottolinea Eurazeo nel comunicato.

Le vendite di Moncler sono aumentate soprattutto attraverso la sua rete di boutique in proprio, che rappresenta il 53% del totale delle vendite, rispetto al 45% nel 1° trimestre 2012. Le vendite nel canale retail sono balzate del 36% nei primi tre mesi dell’anno, mentre le vendite attraverso il canale wholesale sono rimaste stabili (+1%).

“Tutte le regioni geografiche hanno registrato una solida performance, ad eccezione dell’Italia, dove l’impatto positivo della crescita organica dei negozi in proprio e delle nuove aperture non ha compensato totalmente la riduzione del numero di clienti multimarca”, indica il brand.

Un 'Doudoune' Moncler, collezione primavera-estate 2013


A fine marzo 2013, Moncler disponeva di 83 boutique in proprio (46 in Europa, 31 in Asia e 6 in Nordamerica), a cui si aggiungerà il 24 giugno prossimo una seconda boutique nel quadrilatero milanese della moda, in Via Montenapoleone.

A proposito della prossima quotazione, già nel 2011 Moncler stava predisponendo un suo ingresso in Borsa, proprio mentre era in trattative con Eurazeo, che alla fine ne acquisì il 45% del capitale sociale in quell'anno, prima di cederne il 13% agli investitori franco-cinesi di Cathay Capital e cinesi di IDG-Accel-China Capital. La pista della quotazione era stata conseguentemente accantonata.

Eurazeo possiede dunque il 32% di Moncler, Remo Ruffini il 32%, il fondo Carlyle il 18%, Cathay Capital e IDG-Accel-China Capital il 13% e il fondo Brand Partners/Mittel il 5%.

Moncler, marchio nato nel 1952 a Monestier-de-Clermont (da cui il suo nome 'Mon'-'Cler') vicino Grenoble, era crollato prima di essere comprato nel 2003 dall'italiano Remo Ruffini, che l'ha rilanciato. Da allora il brand ha ampliato le gamme prodotto (pullover, calzature...) fino agli accessori (occhiali, borse, valigie...) e prosegue una politica di espansione geografica.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.