×
1 395
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 lug 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Mode City: presenze calate di circa il 20%

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 lug 2016

L'impressione di un calo delle presenze era netta per gli espositori dell'ultimo salone Mode City. E ora eccola confermata in cifre. Una settimana dopo la chiusura, il salone dei marchi di beachwear e lingerie ha annunciato di aver accolto 11.000 visitatori a Lione, contro i 14.000 dell'anno scorso a Parigi. Lo spostamento sulle rive del Rodano durante la finale dell'Europeo di calcio che si giocava nell'Ile-de-France ha avuto un impatto evidente, ma l'organizzatore Eurovet vede in questi dati un “accumularsi di fattori complicati”.

L'ingresso ai padiglioni di Interfilière e Mode City all'Eurexpo di Lione - Eurovet


Un calo dei visitatori vicino al 20% dunque, poco superiore a quello che l'organizzazione aveva previsto. “Quello che non avevamo previsto è stato il calo del Nord Europa, e in particolare della Germania. Pensavamo che ci fossero abbastanza collegamenti con Lione, ma il viaggio necessario per raggiungerci è stato giudicato troppo complicato da un buon numero di buyer della zona...”, commenta Taya de Reyniès, responsabile della divisione lingerie e beachwear di Eurovet.

La Germania, dunque, è stata in calo, e in senso più ampio l'Europa del Nord, mentre altre nazioni vicine hanno approfittato di questa situazione eccezionale a Lione. Compratori italiani e svizzeri sono stati presenti in fiera in buona quantità, mentre gli spagnoli hanno mantenuto la loro presenza a un livello equivalente a quello dello scorso anno. In compenso, i buyer delle immediate vicinanze, vale a dire i dettaglianti della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, hanno un po' latitato. “Ci aspettavamo che fossero più numerosi a Lione... Ma la posta in gioco era alta per loro, a causa dell'inizio di stagione molto tardivo, con il tempo atmosferico che ha giocato contro di loro, e dunque contro di noi”, afferma Taya de Reyniès.

Sebbene il contingente francese sia diminuito, il calo è stato maggiore fra i buyer internazionali, soprattutto a causa del fattore sicurezza/timore di attacchi terroristici, secondo gli organizzatori (e come i fatti successivi hanno dimostrato, Nizza non è poi molto lontana..., ndr.). "Gli espositori erano delusi, ma io penso che siano ben consapevoli del fatto che il contesto sarebbe stato altrettanto complicato anche se la fiera si fosse tenuta a Parigi...”, conclude Taya de Reyniès.

Anaïs Lerévérend (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.