×
1 466
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization & Agile Transformation
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
29 ott 2008
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Moda e lusso crescita in frenata

Di
Adnkronos
Pubblicato il
29 ott 2008

Moda e lusso crescono anche in uno scenario economico incerto come quello del 2007, ma a ritmi inferiori a quelli degli anni precedenti. Lo confermano i dati di Fashion & Luxury Insight, il rapporto annuale di Sda Bocconi, Altagamma ed Ernst&Young sullo stato di salute delle grandi società quotate del settore, presentato a Milano.

Il rapporto analizza i bilanci di 75 società quotate in tutto il mondo, con vendite superiori ai 200 milioni di euro ciascuna e un fatturato complessivo di 240 miliardi di euro l'anno.

I dati rivelano una crescita media delle vendite rispetto al 2006 al 7,8% (10,5% l'anno precedente), un margine operativo lordo (ebitda) pari al 14,7% (quasi invariato, dal 14,9%) e un risultato operativo (ebit) all'11,2% (da 11,6%). Anche la redditività degli investimenti (13,3% contro il 14,2% del 2006) e ritorno sul capitale proprio (14,4% contro 18%) sono ancora a buon livello, ma in discesa.

La sostanziale stabilità degli investimenti (5,9% del fatturato) suggerisce la forte volontà delle imprese di continuare a puntare sul proprio core business. Il rapporto tra debito e capitale proprio scende del 10%, a 0,6, e rimane buona, al 9,8% del venduto, la generazione di cassa. Il settore si conferma ad alta intensità di capitale, con il capitale fisso a pesare, in media, per il 44% di quello totale e gli intangibili in leggera crescita, al 18%.

In uno scenario più competitivo e difficile che in passato, tornano a contare le dimensioni aziendali. Gli importanti budget finanziari e le maggiori capacità d'investimento delle imprese che fatturano più di 5 miliardi di euro si traducono in una maggiore profittabilità rispetto alle imprese più piccole (al di sotto di 1 miliardo). La redditività degli investimenti delle prime è al 16,3%, contro il 10,6% delle seconde, il risultato operativo al 13,5% contro l'8,7%, la generazione di cassa al 10,6% contro 8,3%.

''Comparando la crescita del venduto e i margini'', dichiara Barbara Rovetta della Sda Bocconi, coautrice della ricerca, ''rileviamo che l'andamento meno robusto delle vendite si accompagna alla crescita dei costi operativi e a una sostanziale stabilità del rapporto tra capitale circolante e fatturato. Ciò significa che molti non sono riusciti a reagire al rallentamento dei tassi di crescita con una maggiore focalizzazione sui margini o sull'efficienza operativa''.

''Il driver principale di crescita si conferma essere l'apertura di nuovi punti vendita e, con la crescente incertezza economica, vengono premiate la diversificazione geografica e la brand-extension di marchi di sicura affidabilita' in nuove categorie di prodotti'' aggiunge Armando Branchini, Segretario Generale di Altagamma e coautore della ricerca.

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.