×
1 394
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Missoni e Diadora tra le 21 new entry del programma Elite

Di
APCOM
Pubblicato il
today 5 mar 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Elite dà il benvenuto a 21 nuove società che entrano nel programma nell'ambito della Elite Lounge attivata da UBI Banca in partnership con Confindustria, con l'obiettivo di facilitarne l'accesso ai mercati dei capitali. Tra le new entry del comparto moda ci sono Missoni, il brand di sportswear Diadora e la OwensCorp, società a cui fa capo il marchio Rick Owens. Per il settore della cosmesi esordisce la bergamasca Gotha Cosmetics.

Missoni - Autunno-Inverno 2018 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Elite raggiunge così quota 759 società da 30 Paesi con ricavi aggregati di oltre 58 miliardi per oltre 260.000 posti di lavoro, 472 le società italiane nel programma. 

Le nuove società selezionate per entrare nella community Elite sono rappresentative di 9 diversi settori, dalla chimica alla produzione di generi alimentari e provengono da 8 diverse regioni italiane. Elite è il programma internazionale del London Stock Exchange Group dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita.

"L'obiettivo del rinnovamento e della competitività del mondo produttivo”, ha affermato Letizia Moratti, Presidente del consiglio di gestione di UBI, “ha spinto tre protagonisti dell'economia del Paese, rappresentati dal mondo imprenditoriale, dal mercato dei capitali e dal sistema bancario, a fare sistema per supportare i processi di innovazione e digitalizzazione delle imprese".

"Il lancio della Elite Ubi Banca Lounge, attivata con la collaborazione di Confindustria”, secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, “rappresenta un altro importante passo nel percorso di evoluzione e innovazione del rapporto tra banche e imprese, una condizione imprescindibile per un sistema Paese più forte e competitivo, in grado di cogliere le sfide internazionali. La patrimonializzazione delle imprese e il loro accesso a strumenti di finanziamento alternativi al credito bancario rimangono delle priorità".

Fonte: APCOM