×
1 645
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Stock Specialist Bologna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 nov 2016
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Michael Kors cala nel primo semestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 nov 2016

Dopo anni di crescita selvaggia ed un recente rallentamento, Michael Kors accusa una contrazione. Si tratta del primo calo trimestrale delle vendite da quando il marchio statunitense di lusso accessibile si è quotato in Borsa nel 2011. In questo primo semestre del suo esercizio 2016-17, chiuso il 1° ottobre, il fatturato del brand ha raggiunto i 2,08 miliardi di dollari (1,93 miliardi di euro), diminuendo dell'1,9% (-2% escludendo gli effetti valutari). L'utile netto si colloca invece a 308 milioni di dollari (287 milioni di euro), calando del 16% rispetto allo stesso periodo di un anno prima, secondo le cifre semestrali pubblicate dalla casa di moda.

Michael Kors Collection, primavera-estate 2017 - © PixelFormula


Nel solo secondo trimestre del proprio esercizio, il fatturato di MK è diminuito del 3,7%, a 1,09 miliardi di dollari (1,01 miliardi di euro), mentre l'utile netto è crollato di un -16,6%, a 160,9 milioni di dollari (150 milioni di euro). Questi risultati, che hanno determinato la caduta del titolo aziendale in Borsa all'indomani della loro pubblicazione, sono comunque stati presentati come relativamente soddisfacenti, perché "al di sopra delle aspettative" del gruppo.

"I nostri risultati hanno continuato a subire l'impatto della diminuzione del turismo e delle presenze nei centri commerciali in alcune grandi città, così come della nostra decisione strategica di ridurre le vendite nella rete wholesale negli Stati Uniti", commenta in un comunicato John Idol, il CEO della società, che si dice comunque fiducioso "della capacità del gruppo di guidare la crescita nel lungo periodo e di aumentare il valore per i suoi azionisti".

Sono le vendite all'ingrosso, in effetti, che hanno portato alla diminuzione del fatturato, così come il calo delle vendite sul mercato americano, e la diminuzione delle royalties legate alle licenze. Nell'ultimo trimestre, rispetto all'esercizio precedente, le vendite all'ingrosso sono diminuite del 18,4% (-18,5% escludendo i cambi), mentre le licenze hanno portato al brand 38,8 milioni di dollari (36,1 milioni di euro), pari a un calo del 10,2% del segmento.

Nello stesso periodo, le vendite nette nei negozi monomarca Michael Kors sono progredite del 12,1%, a 597,2 milioni di dollari (555,8 milioni di euro), spinte dall'apertura di 198 boutique in un anno, compresi 137 negozi recuperati a seguito della ripresa del controllo diretto delle vendite nella Grande Cina e in Corea del Sud, indica il gruppo. A perimetro comparabile, il giro d'affari è diminuito del 5,4% fra luglio e settembre 2016.

Per regioni, l'America del Nord resta il primo sbocco di mercato per Michael Kors, con un fatturato di 1,436 miliardi di dollari nel semestre (1,33 miliardi di euro). Ma le vendite nella zona si riducono drasticamente, scendendo dell'11,1% nel trimestre (-8,3% nel semestre).

Di fronte a un mercato americano saturo e in sofferenza, l’Asia rimane il mercato più dinamico per il brand. La regione registra un netto miglioramento delle vendite, con un fatturato che vola a un +96,5%, a 95,1 milioni di dollari (88,5 milioni di euro). L’Europa rappresenta un mercato molto più importante per il marchio statunitense, con un giro d'affari di 248 milioni di dollari (231 milioni di euro), ma la sua progressione si limita all'1,9% in questo secondo semestre fiscale (+3,5% a valute costanti).

Il gruppo quotato a Wall Street controlla un totale di 787 fra negozi e concessioni, contro i 589 dello stesso periodo dell'anno precedente. Tenendo conto dei punti vendita in franchising, la griffe conta 905 punti vendita nel mondo al 1° ottobre 2016.

Per l'intero anno, l'etichetta statunitense riduce i propri obiettivi, puntando su un giro d'affari situato attorno ai 4,55 miliardi di dollari (4,24 miliardi di euro) contro i 4,7 miliardi di dollari (4,37 miliardi di euro) realizzati al termine dell'esercizio precedente.

Dominique Muret (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.