×
1 221
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
VICTORIA’S SECRET
Area Manager Victoria's Secret
Tempo Indeterminato · BERGAMO
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
L'AUTRE CHOSE
Addetto al Reporting e Controllo di Gestione
Tempo Indeterminato · PORTO SANT'ELPIDIO
VALENTINO
Digital Media Planning & Buying Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
ALEXANDER MCQUEEN ITALIA S.R.L.
Alexander Mcqueen Stock Controller
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità

MFW: piccoli brand crescono e si fanno largo tra i titani del lusso

Di
Adnkronos
Pubblicato il
today 28 set 2015
Tempo di lettura
access_time 4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

​Piccoli lo sono solo di nome, perché di fatto i nuovi nomi del Made in Italy, di cui fanno parte anche molti talenti emergenti, stanno guadagnandosi il loro posto al sole nel patinato mondo della moda. Vetrina d'eccezione le passerelle di Milano Moda Donna - che ha chiuso i battenti - dove da qualche stagione i brand di piccole e medie dimensioni stanno cercando di farsi largo tra i titani del lusso.

Iceberg, passerella finale della collezione PE 2016. Foto: Ansa - Foto: Ansa


Etichette giovani come Gabriele Colangelo e Arthur Arbesser, entrambi vincitori di 'Who is On Next?', uno degli scouting più prestigiosi per i giovani talenti nella moda (promosso da Vogue Italia e AltaRoma), stanno conquistando la scena nazionale e internazionale, quasi oscurando le grandi griffe nell'ambiziosa impresa di disegnare una nuova geografia della moda.

Se Colangelo (vincitore di 'Who is On Next?' nel 2008) ha un suo marchio e oggi è alle redini di Giada, etichetta fondata da Rosanna Daolio nel 2001 e dal 2005 in mano al gruppo cinese RedStone, non è da meno il viennese Arthur Arbesser (vincitore di 'Who is On Next?' nel 2013) che non solo ha presentato la collezione della sua linea omonima sulle passerelle di Milano, ma da questa stagione è stato scelto dal patron di Iceberg, Paolo Gerani, come nuovo direttore creativo.

Non subiscono battute d'arresto anche Leitmotiv, Andrea Incontri e Alberto Zambelli, tutte griffe che trovano il plauso degli addetti ai lavori e dei mercati esteri, continuando, di stagione in stagione, a spingere sull'acceleratore della crescita.

MFW: Alberto Zambelli, collezione donna P/E 16 - Foto: Ansa


​Segnale evidente della rivoluzione che stanno silenziosamente portando avanti queste piccole realtà imprenditoriali, ritrovandosi così a svecchiare non solo i codici stilistici ma anche l'intero sistema moda, come fecero a loro tempo Elio Fiorucci e Renzo Rosso, il primo andando a caccia per il mondo di trend e stili, diventando pioniere dei 'cool hunter', il secondo sfidando i colossi del denim, riuscendo con tenacia a imporre il suo Diesel e fondare la OTB, una delle holding del lusso più importanti nel panorama mondiale, e che oggi controlla i marchi di moda Maison Margiela, Viktor & Rolf, Marni e Staff International.

Da Francesco Scognamiglio a Cristiano Burani, fino a Marco De Vincenzo e Chicca Lualdi, in un mondo che si muove velocemente, e dove l'innovazione e lo stravolgimento dei tradizionali codici estetici è il nuovo modus operandi del fashion -vedi Alessandro Michele da Gucci - anche il Made in Italy sembra cambiare faccia. Da Napoli, dove è nato e si è formato, di strada ne ha fatta Francesco Scognamiglio.

MFW: Francesco Scognamiglio, collezione donna P/E 2016 - Foto: milanomodadonna.it


​Dai primi passi mossi negli atelier di Versace, fino agli abiti disegnati per Madonna e Lady Gaga, in occasione della sua collezione per la primavera-estate 2016, presentata qualche giorno fa a Milano, il designer ha ​annunciato che sbarcherà presto a Parigi, dove il prossimo anno debutterà sulle passerelle della haute couture con una collezione di alta moda, grazie al tandem con l'imprenditore malese Johann Young.

Spesso succede che i piccoli brand e soprattutto gli stilisti emergenti vengano presi sotto l'ala di griffe storiche, che gli permettono di avere quella visibilità nazionale e internazionale che altrimenti non avrebbero. E' il caso di Vivetta e Daizy Shely, entrambe protégé di Giorgio Armani.

La prima, al secolo Vivetta Ponti, quest'anno alla sua seconda prova sulle passerelle milanesi, era stata scelta da Re Giorgio lo scorso anno per presentare la sua collezione nell'Armani Teatro. Non proprio una neofita del fashion, però, visto che i suoi colletti a forma di mani e le sue chemise ricamate erano già venduti nella boutique parigina Colette, ma grazie all'aiuto di Armani, il suo brand è stato proiettato nell'olimpo della moda italiana.

​E' stata invece la prima volta sulla pedana meneghina per l'israeliana Daizy Shely, classe 1985, che dopo aver vinto il concorso 'Who is On Next?' lo scorso anno e aver sfilato ad AltaRoma, ha presentato sabato scorso la sua collezione omonima in via Bergognone 59, sede dell'Armani Teatro. Tra i più promettenti brand del sistema moda spiccano i nomi di Alberto Zambelli, che da quando ha debuttato lo scorso anno a Milano Moda Donna, sta conquistando non solo i mercati giapponesi e cinesi, ma anche quello italiano e di Leitmotiv, marchio capitanato dal duo Juan Caro e Fabio Sasso, alla terza prova milanese, che si stanno espandendo non solo nei confini nazionali, ma anche sui mercati statunitensi e orientali.

MFW: Chicca Lualdi, collezione donna, P/E 2016 - Foto: milanomodadonna.it


​Accanto a loro, ci sono poi quei brand che mostrano segnali positivi come Chicca Lualdi, che dopo aver vinto il premio 'Giovani Imprenditori della Moda' della Camera Nazionale della Moda Italiana nel 2009, ha trovato una vetrina d'eccezione nei mercati internazionali, da quello francese a quello giapponese, avendo anche il compito di aprire la fashion week milanese.

Una voce fuori dal coro è invece quella di Cristiano Burani, che dallo scorso marzo, dopo la passerella milanese, ha puntato dritto alla conquista dei mercati asiatici, sfilando a Pechino in occasione della Mercedes-Benz China Fashion Week, con un occhio attento al mercato statunitense.

Copyright © 2020 AdnKronos. All rights reserved.

Tags :
Altro
Sfilate