×
1 272
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
21 feb 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

MFW: Moschino, con Jeremy Scott l'ironia pop

Di
Ansa
Pubblicato il
21 feb 2014

Brr che brivido, per il mondo della moda, l'esordio di Jeremy Scott da Moschino, lì dove per vent'anni aveva regnato Rossella Jardini, già assistente del fondatore Franco. Jeremy ha dalla sua che è un tipo davvero pop: "mi viene naturale esserlo" spiega esibendo la cresta colorata, lo sguardo cattivo e poca simpatia a prima vista ma molta fantasia e perfino, negli anni novanta, uno stage da Moschino.

MFW, Moschino, collezione autunno-inverno 2014/15 - Foto: cameramoda.it


Lui è americano (nato in Kansas 39 anni fa) anzi molto americano, ma con il suo marchio ha anche lavorato e sfilato ormai in tutte le capitali della moda, è appoggiatissimo dagli americani, è circondato da uno staff americano, insomma è l'uomo giusto per il mercato americano e per i colossali media americani.

Forza Jeremy dunque, al suo debutto milanese con prima fila molto ricca: dalle cantanti Katy Perry e Rita Ora e al duo newyorkese The Misshapes di cui la modella Leigh Lezard è la voce. Ciò premesso, collezione divertente, bella e degna della maison, dagli abiti agli accessori fino al tono haute couture dei vestitoni fumettistici da red carpet. Sartorialità e ironia sono nel DNA di Moschino e Scott lo sa bene. Ci aggiunge una irriverenza più contemporanea ed ecco che la M di un famoso marchio del fast food (McDonald per capirci meglio) diventa quasi un cuore piazzato dappertutto, tra rosso e giallo, sulla schiena della giacchina chanellosa e perfetta, sulla seta che orla il bon ton del tailleur, perfino sul dietro della pelliccia di visone ma anche sulla maglia fumetto decisamente più easy. I due colori della catena di panini si accoppiano dappertutto e si rincorrono tra borsette con catena e secchielli come il bicchierone da bibita, maglie e piccoli accessori che formano una capsule collection che sarà subito in vendita.

Ma la collezione è molto più di questo pur legittimo e commerciale gioco d'autore. Il packaging, quello magari fantastico ma che viene subito e tristemente buttato via, le scatole dei cereali e delle caramelle, tutte le confezioni più colorate del junk food, il cibo spazzatura che avvince anche se non ci convince (Jeremy comunque è igienista e vegetariano), le etichette degli alimenti con le complicate tabelle dei componenti e delle calorie, vera ossessione dietologica moderna, finiscono stampate sui tessuti insieme ai personaggi dei cartoon che i ragazzini conoscono bene: SpongeBob per esempio, la spugna marina animata di sentimenti, fa capolino da un grandioso abito da sera mentre un topolino da formaggio sbuca tra fiocchi sontuosi, tra volants grandiosi e strascichi voluminosi. La cioccolata, eccola con la sua carta marrone etichettata, impressa sulla seta del vestito da sirena che fa dire ooohhh!

Jeremy Scott al termine della sfilata


Niente da dire, le 47 uscite mischiano ironia e alta moda, proprio quella fatta a mano in atelier (avrà prezzi speciali immaginiamo) arrivando a giocare anche con l'abito da sposa, bianco e vaporoso con il tulle stampato di scritte nere, quelle che informano sui valori nutrizionali dei nostri alimenti. Non resta che augurare buona fortuna alla nuova era Moschino.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altro
Sfilate