×
1 579
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
Pubblicato il
6 ago 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Massimo Alba mette il turbo

Pubblicato il
6 ago 2014

Massimo Alba ha fondato la sua maison nel 2007. Un progetto nato quasi per scherzo da una piccola collezione realizzata per amici e parenti. Oggi il marchio raffinato e autentico, che esalta l’artigianalità italiana, si è fatto un nome imponendosi nelle migliori boutique multimarca di moda, e sta accelerando lo sviluppo. Dopo le boutique di Milano e di Roma, il brand si appresta ad aprire il primo negozio monomarca all’estero, in Giappone con Itochu, il suo importatore in questo Paese.

Massimo Alba


Lo spazio di 100 m2 verrà inaugurato il prossimo settembre a Tokyo a Omotesando, una delle vie dello shopping della capitale giapponese, e ospiterà tutte le collezioni del brand. “Il Giappone è un mercato importante per noi. Anche la Corea è importantissima, ma l’Italia rimane il nostro primo mercato”, spiega lo stilista da sempre specializzato nel cachemire, che è stato in precedenza direttore creativo di grandi griffe quali Malo, Piombo, Agnona, e Ballantyne.

“Siamo ancora piccoli con un fatturato di circa 5 milioni di euro, ma siamo un’azienda vera con 14 persone. Inizialmente eravamo prodotti in licenza, mentre oggi tutta la produzione è interna. Ci appoggiamo a laboratori italiani nelle Marche, in Umbria e nel Nord, che conosco da più di 20 anni”, prosegue.

Le collezioni composte da 200 capi per l'uomo e 200 per la donna sono distribuite tramite 400 negozi multimarca nel mondo, tra cui grandi department store. Fatte di maglie morbide, pantaloni comodi, giacche destrutturate, e cappotti double con tessuti e tinte studiate esclusivamente per il brand, hanno saputo sedurre un cliente trasversale, attento alla qualità e in cerca del vero Made in Italy.

Due look donna di Massimo Alba


Lo scorso giugno Massimo Alba è approdato per la prima volta a Pitti Uomo, nel nuovo spazio “Just like a man” del salone fiorentino considerato come il tempio della moda maschile. Il brand era stato in precedenza una sola volta a Firenze nell’ambito del salone femminile Pitti W, preferendo presentare di solito le sue collezioni presso il salone milanese White.

“Trovo che Pitti istituzionalizzi un progetto. Siamo giunti ad una nuova fase in cui abbiamo necessità di rafforzare la nostra immagine con dei contenuti legati al prodotto, e a Pitti abbiamo trovato tutta la clientela internazionale”, sottolinea lo stilista.

I fazzoletti di Massimo Alba


“Stiamo registrando ottimi risultati nei nostri negozi. La boutique di Milano, in zona Brera, sta crescendo del 30% rispetto al 2013 soprattutto grazie ai turisti, mentre le vendite totali aumentano del 20% a ogni stagione”, indica ancora Massimo Alba, che dopo il Giappone vorrebbe aprire un negozio a Parigi e negli Stati Uniti, Paese in cui il brand è già distribuito tramite una trentina di negozi top tra cui Barneys.

“Il mercato italiano è molto difficile perché è bloccato da consuetudini e dalla routine. Deve aprirsi se vuole ripartire. Serve un cambiamento profondo, soprattutto nella figura del commerciante”, conclude Massimo Alba.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.