×
1 851
Fashion Jobs
SIDLER SA
HR Business Partner / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
7 nov 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Maroc in Mode e Maroc Sourcing hanno coinvolto 2.200 visitatori

Pubblicato il
7 nov 2013

Maroc in Mode e Maroc Sourcing, che si sono svolti nei giorni 24 e 25 ottobre scorsi a Casablanca, hanno accolto ufficialmente 2.200 visitatori, 865 dei quali erano buyer internazionali. Bisogna dire che gli organizzatori, Maroc Export e l'Amith, hanno invitato anche numerosi buyer.


In Francia, ad esempio, si sono iscritti una quarantina di buyer, e la metà circa di loro con trattamento Vip, il che vuol dire che la trasferta gli è stata pagata. Erano rappresentati DPAM, Kiabi, La Redoute, CWF, Go Sport, Cacharel, Jacadi e Caroll. "Ha costituito un database di potenziali fornitori nel caso in cui noi integrassimo dei riassortimenti nei nostri piani di collezione", commenta il buyer di un'azienda transalpina.

L'organizzazione è stata giudicata molto migliore, con due padiglioni ben concepiti, ma gli espositori si sono dispiaciuti di non essere ancora abbastanza numerosi. "Il flusso di visitatori è stato basso. Ma soprattutto, l’offerta non è rappresentativa dei fornitori marocchini. Alcuni preferiscono senza dubbio le missioni mirate", nota un produttore marocchino.

Da parte sua l’Amith, l’associazione marocchina delle aziende tessili, ha registrato un incremento degli espositori del 25%, arrivati a 135. Ora, l’industria marocchina, che ha ritrovato il sorriso grazie a un aumento dell'8% delle sue esportazioni verso l’Unione Europea, mette in risalto, come del resto fa spesso, la sua vicinanza geografica al Vecchio Continente e delle barriere culturali meno elevate che in alcuni Paesi asiatici… Senza dimenticare l'immagine di stabilità che la nazione nordafricana sta riuscendo a trasmettere, tanto politica quanto monetaria.

Ma con un business che da alcuni produttori è per l'80% legato alle attualizzazioni, il calo dei consumi in Europa si è fatto sentire. "I clienti restano fedeli, ma hanno calato i loro ordini in volume, talvolta persino del 20%", sottolineano da CM3. E sono molte le difficoltà che sta attraversando il settore, fra abbandoni dei clienti, prezzi più contenuti e ordinativi che ancora fino a poco tempo fa erano in diminuzione.

Soprattutto però, rispetto ai mercati di Turchia e Portogallo, l’industria marocchina gioca la carta delle piccole serie. "Il 2013, è stato una catastrofe… ma nel 2014 e nel 2015 dovremmo andare bene. L’immagine di stabilità del Paese ci aiuta, dobbiamo ammetterlo", commenta Isaac Assayag, direttore di produzione da Aryan's.

Nel frattempo, l'Amith sta preparando numerose missioni, essenzialmente in Europa, prima di ridare appuntamento a Casablanca nell'ottobre 2014.

Bruno Joly (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.