×
1 441
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Les echos
Pubblicato il
10 nov 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Marks & Spencer parte alla riconquista del suo mercato

Di
Les echos
Pubblicato il
10 nov 2010

10 nov 2010 – Il direttore generale di Marks & Spencer, Marc Bolland, arrivato lo scorso mese di maggio per assistere il PDG Stuart Rose, si è espresso per la prima volta martedì 9 novembre sulla nuova strategia commerciale del distributore britannico. Il dirigente ha promesso di portare avanti «un'evoluzione, non una rivoluzione», che punta a portare il giro d'affari del gruppo fra gli 11,5 e i 12,5 miliardi di sterline nel 2013-2014, contro i 9,3 miliardi di sterline dell'anno scorso.

Marks & Spencer
Oxford Street. Foto: Pixel Formula

Nel primo semestre di questo esercizio, Marks & Spencer ha già fatto registrare un aumento del 5,4% del suo fatturato, a 4,57 miliardi di sterline. Il suo utile netto ha raggiunto i 261,2 milioni di sterline (302 milioni di euro, +16,4%) e il suo utile gestionale d'esercizio i 409,2 milioni di sterline (+12,1%).

Per raggiungere i suoi obiettivi, il distributore intende prima conquistare nuove fette della “torta” rappresentata dal Regno Unito, suo mercato principale, dove gestisce già 650 negozi (contro i 320 all'estero). In UK il brand investirà dunque 600 milioni di sterline su tre anni nelle attività alimentari e dell'abbigliamento, risorse utilizzate in particolare per l'apertura di nuovi negozi. Tuttavia, ha ammesso Marc Bolland, «le condizioni [dell'attività] diventeranno più difficili [nel Regno Unito], quando le entrate dei negozi si troveranno sotto la pressione dovuta all'aumento della TVA [l'IVA britannica, ndr] e dell'impatto dei tagli sul budget».
Su tre anni, saranno anche sbloccati 150 milioni di sterline per sviluppare le attività di vendita su internet. Infine, 150 milioni saranno investiti per lo sviluppo all'estero.

La settimana scorsa, il gruppo si era rifiutato di commentare le informazioni raccolte dalla stampa britannica, che riguardavano un ritorno del marchio in Francia e Spagna, nazioni dalle quali manca da nove anni. In realtà, molto probabilmente Marks & Spencer rivolgerà piuttosto i suoi maggiori sforzi futuri verso i paesi emergenti.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Les Echos

Tutti i diritti riservati, è vietata la riproduzione anche parziale.
© 2023 Les Echos