×
1 603
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Sales Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 nov 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Marks & Spencer: 53 chiusure di negozi in 10 nazioni

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 nov 2016

Il distributore britannico Marks & Spencer ha annunciato di voler chiudere diverse decine di negozi nel mondo, sette dei quali in Francia (compreso il flagship degli Champs-Elysées), che da soli danno lavoro a circa 500 persone. Il gruppo ha infatti annunciato in un comunicato di voler chiudere 53 negozi in 10 Paesi, tutti in perdita, e altri punti vendita nel Regno Unito. Oltre che in Francia, i negozi che saranno chiusi sono situati in Cina (10 punti vendita), in Belgio e in altre 7 nazioni europee.

Il negozio Marks & Spencer degli Champs-Elysées, a Parigi, è destinato alla chiusura - PixelFormula


L’anno scorso, i negozi gestiti direttamente da Marks & Spencer in questi 10 Paesi hanno perso in totale 45 milioni di sterline (50 milioni di euro, sulla base della conversione valutaria pubblicata da M&S) per un fatturato pari a 171 milioni di sterline (190 milioni di euro).

Un portavoce aziendale ha spiegato all’agenzia di stampa AFP che questo processo dovrebbe durare da "12 a 18 mesi". Tra i sette negozi che chiuderanno in Francia, due sono specializzati in prodotti alimentari e cinque, tra i quali quello del famoso viale parigino, offrono una combinazione di prodotti alimentari, di abbigliamento e di apparecchi domestici.

"Dal ritorno di Marks & Spencer in Francia nel 2011, i negozi in proprio sul mercato francese sono in perdita: nell’esercizio 2015/16, le perdite sono arrivate a 19 milioni di sterline (19 milioni di euro)", ha spiegato l’insegna britannica, la quale ha comunque aggiunto che gli 11 store di alimentari in franchising situati anch’essi nella regione parigina, resteranno aperti.

Il gruppo è tornato in Francia nel 2011, dopo aver provocato un putiferio nel 2001 quando ha annunciato la chiusura dei suoi 18 negozi nell’Esagono senza fornire alcuna indicazione sulla sorte dei suoi 1.700 dipendenti. Questi negozi sono stati poi acquistati dal gruppo Galeries Lafayette.

M&S ha inoltre annunciato che chiuderà nel Regno Unito una sessantina di negozi in più, specializzati nell’abbigliamento e negli apparecchi domestici, entro 5 anni.

Tutti questi provvedimenti si inseriscono nel programma strategico avviato dal nuovo direttore generale del gruppo, Steve Rowe, arrivato all’inizio dell’anno per rilanciare l’azienda britannica, da anni in difficoltà nell’abbigliamento, nelle calzature e nei prodotti per la casa.

Steve Rowe ha comunque tenuto a sottolineare che il gruppo aprirà dei nuovi negozi di prodotti alimentari nel Regno Unito e tenterà di incrementarvi le vendite online. Il gruppo ha dovuto registrare una perdita netta di 58 milioni di sterline nel semestre chiuso il 1° ottobre.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.