×
1 586
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Export Area Manager- Russian Speaker
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Retail Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
International Wholesale Manager - Fragrances
Tempo Indeterminato · LUCCA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Emea CRM Coordinator & Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FENICIA SPA
Responsabile Acquisti Donna (Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
General Accounting Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · TORINO
FOURCORNERS
CRM Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Paid Media Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Wholesale E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
19 nov 2011
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Marithé e François Girbaud pronti a cedere l'azienda

Pubblicato il
19 nov 2011

Non si tratta di un'azienda come le altre, soprattutto se si considera la personalità dei suoi fondatori. Una caratteristica che probabilmente ha determinato diverse difficoltà ad ancorarsi solidamente al mercato, tanto più che la griffe ha sempre avuto un posizionamento fissato in una zona intermedia fra gli stilisti di moda e le marche di jeans tout court. Tuttavia, la società di Marithé e François Girbaud deve affrontare e risolvere il problema di riuscire a consolidarsi nel tempo e a dotarsi dei mezzi necessari al proprio sviluppo.

Marithé e François Girbaud
Lo store Girbaud fra Rue Etienne Marcel e Rue Montmartre

Tramite il “Figaro” di venerdì 18 novembre, Marithé e François Girbaud hanno quindi reso pubblica la loro volontà di aprire il capitale sociale ad eventuali partner. "Abbiamo dato mandato quattro mesi fa alla banca Rothschild per aprire il capitale della nostra azienda familiare", ha precisato Olivier Bachellerie, presidente di Marithé+François Girbaud (figlio di Marithé e figliastro di François). L'obiettivo è di arrivare a una conclusione dell'operazione entro la fine del primo semestre 2012.

Secondo la direttrice della comunicazione, Muriel de Lamarzelle, il cuore dei fondatori propenderebbe più per un partner industriale piuttosto che per un socio finanziario. Ma il duo è aperto a ogni tipo di soluzione. Certo, l'attuale congiuntura economica mondiale forse non è molto favorevole a questo tipo di operazione. Però, sempre secondo la portavoce della società, “essa è piuttosto favorevole per Marithé+François Girbaud".

Allo stesso modo, gli azionisti familiari non si pronunciano sulla percentuale che sarà oggetto della partecipazione azionaria la quale, sempre secondo il marchio di abbigliamento, può anche essere maggioritaria. Riguardo alla cifra, è in corso una valutazione da parte dello studio Ernst & Young, che sta anche lavorando su una semplificazione delle strutture giuridiche.

La società rende noto un fatturato consolidato di 100 milioni di euro, con 200 milioni di euro al dettaglio, di cui il 30% in Francia. L'azienda annuncia anche una diffusione che avviene attraverso più di un centinaio di negozi a suo nome nel mondo, oltre a una cinquantina di corner e a 2.000 multimarca.

Per quanto riguarda la storia del brand, vari suoi punti vendita hanno aperto… e chiuso. Questa pagina, secondo Marithé e François Girbaud, sarebbe ormai storia passata, dopo l'installazione nel negozio storico di Rue Etienne Marcel a Parigi di un nuovo concept chiamato “Montmarcel”. In seguito, è stato rinnovato (in agosto) il negozio di Montpellier. Dei punti vendita hanno poi inaugurato a Biarritz e Tolosa. All'inizio di dicembre aprirà un indirizzo a Stoccarda, come pure un corner al BHV di Beirut, nel lussuoso quartiere residenziale di Jnah.

Diversi progetti di aperture sono confermati su Amiens e Grenoble in Francia, e Xian e Hangzou in Cina. In quest'ultima nazione, il brand transalpino può contare su cinque punti vendita, aperti dal 2008. L’obiettivo in Cina è di raggiungere le 30 boutique entro tre anni con l'aiuto di un partner, Rainbow, all'interno di una joint-venture di cui, secondo Olivier Bachellerie, "la società francese detiene il 40% del capitale". Il marchio ha anche precisato che il suo obiettivo è di raddoppiare o triplicare il fatturato del retail.

Jean-Paul Leroy (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.