×
1 818
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Back Office Ufficio Vendite Categoria Protetta lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
CRM Specialist Sales Assistant _ Luxury Brand
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
9 set 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Manolo Blahnik: un libro e la prima linea di scarpe sportive

Di
Ansa
Pubblicato il
9 set 2015

Non è il suo primo libro ma di sicuro il più atteso. Autobiografico, divertente, ricco di immagini mai pubblicate prima, è uscito l’8 settembre negli Stati Uniti, il 17 uscirà in Italia per Rizzoli. L’autore è Manolo Blahnik, il volume si intitola “Manolo Blahnik: Gesti fugaci e ossessioni'' ed è un compendio di esilaranti conversazioni fra Blahnik e Mary Beard, docente di lettere all’università di Cambridge e con i registi Pedro Almodóvar e Sofia Coppola, con l’architetto spagnolo Rafael Moneo e con il suo amico giornalista e fotografo Michael Roberts.

Scarpe Manolo Blahnik - Foto: Ansa


Settantatré anni da compiere a novembre, oltre 40 anni di carriera, più di 30.000 stili diversi di scarpe (vendute al prezzo corrente di partenza di 700 dollari al paio), Blahnik è uno degli stilisti più noto al gentil sesso per le sue scarpe dai tacchi vertiginosi, lacci, cuciture e particolari che le rendono icone di glamour e sex appeal.

Nato a Santa Cruz de la Palma nelle Isole Canarie, trasferitosi presto a Londra con la sorella Evangeline, la sua prima boutique aperta negli anni ’70 in Old Church Street è stata regolarmente frequentata da Bianca Jagger, Marie Helvin and Jerry Hall.

Oggi è ritenuto tra i più grandi nomi nel settore lusso delle scarpe da donna. “E’ meraviglioso che mi trattino come un artista” – ha dichiarato col sarcasmo che lo contraddistingue al Wall Street Journal – “Ma io sono solo un calzolaio e faccio solo stupide scarpe”. Nel frattempo questo autunno riceverà un prestigioso riconoscimento alla carriera, il “Couture Council for Artistry of Fashion Award” del Fashion Institute of Technology di New York. Nel corso di questi dialoghi tortuosi fra lo stilista e i suoi ospiti, nel testo Blahnik snocciola molte delle sue passioni e qualche gossip. Per la lettura adora Giuseppe Tomasi di Lampedusa e Il Gattopardo è il suo romanzo preferito ma rilegge spesso anche Madame Bovary.

Scarpe Manolo Blahnik - Foto: Ansa


Della moda odia i falsi (e le copie taroccate delle sue scarpe) ma adora gli eventi drammatici e assurdi che accadono solo in quell’ambiente, come quando disegnò le scarpe per il matrimonio di Kate Moss e il giorno delle nozze gliele rimandarono indietro perché non si abbinavano al vestito di Galliano. “Le scarpe furono spedite immediatamente a Milano, modificate e pronte puntualmente ai piedi della sposa. Adoro la follia della moda”.

Odia inoltre la parola ‘moderno’ ma sta per presentare la sua prima linea di scarpe sportive per donne e uomini. Nel volume, per la prima volta, elenca le persone che lo hanno influenzato e supportato fin dai primi passi nel mondo della moda. In primis Diana Vreeland, caporedattrice di Vogue America negli anni ‘70 e successivamente consulente del Metropolitan Museum of Art per il settore della moda. Fu lei a convincerlo a disegnare scarpe mentre lui lavorava come designer teatrale. Segue la giornalista e scrittrice italiana Anna Piaggi, “E’ stata una donna divina e anche molto reale” spiega Blahnik che ama i film di Luchino Visconti e Michelangelo Antonioni, l’attrice Monica Vitti e colleziona vecchi film dagli anni ’20 ai ’40.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.